No Linux/it

From Openmoko

(Difference between revisions)
Jump to: navigation, search
m (-Documentation, +Software (non openmoko)/it)
Line 11: Line 11:
 
{{Languages|No_Linux}}
 
{{Languages|No_Linux}}
  
[[Category:Documentation]]
+
[[Category:Software (non openmoko)/it]]

Revision as of 21:19, 12 September 2008

Se non si ha a disposizione un sistema operativo GNU/Linux e non lo si può installare per il momento, è meglio procurarsi un Live CD di Linux, ad esempio un CD della versione Desktop di Ubuntu. La caratteristica dei Live CD di Linux è che il sistema viene caricato in RAM e scompare al successivo riavvio del CD: è così perfettamente utilizzabile, ma non intacca l'installazione su hard disk di Windows o di qualsiasi altri sistema operativo.

Il Live CD di Ubuntu può essere scaricato liberamente (si veda il link sopra) e masterizzato su un cd. Nessun software aggiuntivo è richiesto. Per cominciare, inserire il cd di Ubuntu nel computer, mentre si è in Windows o comunque nel proprio sistema operativo non-GNU/Linux. Riavviare il computer lasciando il CD all'interno. Se il cd parte automaticamente, selezionare la voce "Start or Install Ubuntu". Se il CD non parte, e viene avviato Windows, riavviare il pc ed entrare nel BIOS del proprio PC; da qui, selezionare come prima opzione di boot il lettore CD/DVD, quindi salvare e riavviare.

Avviare Ubuntu dal CD, scaricare i files (dfu-util, rootfs, kernel) come descritto, in /tmp.

Rendere dfu-util eseguibile con "chmod +x ./dfu-util" e quindi flashare il kernel e rootfs come descritto, assicurandosi che si sia avviato dfu-util come root, mettendo "sudo" davanti al comando "dfu-util" ("sudo ./dfu-util ...").

Se si ha bisogno di effetturare un nand erase e di correggere uboot via tty, occorre installare cu. Per installare cu su un CD Live di Ubuntu, bisogna andare in Aggiungi/Rimuovi Programmi, selezionare Avanzate, scegliere Comunicazioni e cu è la prima voce. è possibile anche installarlo da terminale, con il comando "sudo apt-get install cu". In generale, l'installazione di questi programmi funziona anche se si sta usando un Live CD. Ricordare, comunque, che riavviando il computer, e facendo ripartire Ubuntu in un secondo momento, tutto ciò che viene fatto in Live viene perso.

Personal tools

Se non si ha a disposizione un sistema operativo GNU/Linux e non lo si può installare per il momento, è meglio procurarsi un Live CD di Linux, ad esempio un CD della versione Desktop di Ubuntu. La caratteristica dei Live CD di Linux è che il sistema viene caricato in RAM e scompare al successivo riavvio del CD: è così perfettamente utilizzabile, ma non intacca l'installazione su hard disk di Windows o di qualsiasi altri sistema operativo.

Il Live CD di Ubuntu può essere scaricato liberamente (si veda il link sopra) e masterizzato su un cd. Nessun software aggiuntivo è richiesto. Per cominciare, inserire il cd di Ubuntu nel computer, mentre si è in Windows o comunque nel proprio sistema operativo non-GNU/Linux. Riavviare il computer lasciando il CD all'interno. Se il cd parte automaticamente, selezionare la voce "Start or Install Ubuntu". Se il CD non parte, e viene avviato Windows, riavviare il pc ed entrare nel BIOS del proprio PC; da qui, selezionare come prima opzione di boot il lettore CD/DVD, quindi salvare e riavviare.

Avviare Ubuntu dal CD, scaricare i files (dfu-util, rootfs, kernel) come descritto, in /tmp.

Rendere dfu-util eseguibile con "chmod +x ./dfu-util" e quindi flashare il kernel e rootfs come descritto, assicurandosi che si sia avviato dfu-util come root, mettendo "sudo" davanti al comando "dfu-util" ("sudo ./dfu-util ...").

Se si ha bisogno di effetturare un nand erase e di correggere uboot via tty, occorre installare cu. Per installare cu su un CD Live di Ubuntu, bisogna andare in Aggiungi/Rimuovi Programmi, selezionare Avanzate, scegliere Comunicazioni e cu è la prima voce. è possibile anche installarlo da terminale, con il comando "sudo apt-get install cu". In generale, l'installazione di questi programmi funziona anche se si sta usando un Live CD. Ricordare, comunque, che riavviando il computer, e facendo ripartire Ubuntu in un secondo momento, tutto ciò che viene fatto in Live viene perso.