Minimo/it

From Openmoko

Revision as of 22:57, 12 September 2008 by Kempelen (Talk | contribs)

(diff) ← Older revision | Latest revision (diff) | Newer revision → (diff)
Jump to: navigation, search

Installazione del web browser Minimo

Minimo è un web browser basato su Mozilla. Ha un supporto integrale al AJAX e possiede altri vantaggi. Attualmente Openmoko non include Minimo. Qui sono riportate le istruzioni per far funzionare Minimo con Xephyr e come usare altri software di terze parti.

Setup build environment

Se hai compilato il tuo Openmoko usando MokoMakefile alcuni di questi steps potrebbero esserti poco familiari.

Assumiamo che la tua directory root di Openmoko sia ~/workspace/moko

Prima devi definire le variabili d'ambiente:

moo@hacker:~/workspace/moko/build$ . ../setup-env 

Poi prendi minimo dal repository OpenEmbedded:

moo@hacker:~/workspace/moko/build$ bitbake minimo

Edita local.conf e aggiungi Minimo per compilare la lista di dipendenze.

MACHINE = "qemux86"
DISTRO = "openmoko"
BUILD_ARCH = "i686"
INHERIT += " devshell"
SRCDATE_eds-dbus = "now"
DISTRO_EXTRA_RDEPENDS = "minimo"

Dopo che a local.conf sono stati aggiunti i nuovi software è necessario aggiornare bitbake tasks.

bitbake task-base -crebuild

Adesso puoi ricompilare l'immagine di root usando MokoMakefile.

make openmoko-devel-image


La distribuzione di default Openmoko manca del file /etc/resolv.conf che è usato per configurare i DNS. Senza questo file, la non risoluzione degli indirizzi impedisce la navigazione web. La via più facile per sistemare questo problema è quella di copiare il file dalla macchina host all'immagine.

moo@hacker:~/workspace/moko$ cp /etc/resolv.conf rootfs/etc/resolv.conf

In chroot'ed environment

Segui le istruzioni in Far funzionare Openmoko su un host con Xephyr per entrare nell'ambiente Openmoko.

Fai partire Xephyr. Non hai bisogno di iniziare una sessione Openmoko, minimo può funzionare così com'è.

/ $ minimo  
Personal tools

Installazione del web browser Minimo

Minimo è un web browser basato su Mozilla. Ha un supporto integrale al AJAX e possiede altri vantaggi. Attualmente Openmoko non include Minimo. Qui sono riportate le istruzioni per far funzionare Minimo con Xephyr e come usare altri software di terze parti.

Setup build environment

Se hai compilato il tuo Openmoko usando MokoMakefile alcuni di questi steps potrebbero esserti poco familiari.

Assumiamo che la tua directory root di Openmoko sia ~/workspace/moko

Prima devi definire le variabili d'ambiente:

moo@hacker:~/workspace/moko/build$ . ../setup-env 

Poi prendi minimo dal repository OpenEmbedded:

moo@hacker:~/workspace/moko/build$ bitbake minimo

Edita local.conf e aggiungi Minimo per compilare la lista di dipendenze.

MACHINE = "qemux86"
DISTRO = "openmoko"
BUILD_ARCH = "i686"
INHERIT += " devshell"
SRCDATE_eds-dbus = "now"
DISTRO_EXTRA_RDEPENDS = "minimo"

Dopo che a local.conf sono stati aggiunti i nuovi software è necessario aggiornare bitbake tasks.

bitbake task-base -crebuild

Adesso puoi ricompilare l'immagine di root usando MokoMakefile.

make openmoko-devel-image


La distribuzione di default Openmoko manca del file /etc/resolv.conf che è usato per configurare i DNS. Senza questo file, la non risoluzione degli indirizzi impedisce la navigazione web. La via più facile per sistemare questo problema è quella di copiare il file dalla macchina host all'immagine.

moo@hacker:~/workspace/moko$ cp /etc/resolv.conf rootfs/etc/resolv.conf

In chroot'ed environment

Segui le istruzioni in Far funzionare Openmoko su un host con Xephyr per entrare nell'ambiente Openmoko.

Fai partire Xephyr. Non hai bisogno di iniziare una sessione Openmoko, minimo può funzionare così com'è.

/ $ minimo