Manuals/Neo FreeRunner/it

From Openmoko

(Difference between revisions)
Jump to: navigation, search
(Aggiornare il Neo FreeRunner)
 
(27 intermediate revisions by 7 users not shown)
Line 1: Line 1:
{{Languages|Getting Started with your Neo FreeRunner}}
+
{{Languages|Manuals/Neo FreeRunner}}
  
 
{| class="wikitable" cellspacing="2" cellpadding="2" style="padding: 0%; margin:0em 0em 1em 0em; border:1px solid #cccccc; background:#eeeeee; width:100%;floating="center"; "
 
{| class="wikitable" cellspacing="2" cellpadding="2" style="padding: 0%; margin:0em 0em 1em 0em; border:1px solid #cccccc; background:#eeeeee; width:100%;floating="center"; "
! style="background:#fcfcfc;border-left:1px solid #9999cc;border-right:1px ; border-top:2px solid 75d806; border:1px solid #222222; width:75% " |
+
! style="background:#fcfcfc;border-left:1px solid #9999cc;border-right:1px ; border-top:2px solid 75d806; border:1px solid #222222; width:75% " |
<div align="left">
+
<div align="left">
Grazie per aver comprato questa versione da Sviluppatori del Neo Freerunner. Il telefono [[Neo FreeRunner]] è la seconda piattaforma hardware che sfrutta nativamente [[Openmoko/it]]. Questa guida ti aiuterà a conoscere il tuo Neo Freerunner e ti indicherà come inizare ad usarlo.
+
Grazie per aver comprato questa versione da Sviluppatori del Neo FreeRunner. Il telefono [[Neo FreeRunner]] è la seconda piattaforma hardware che sfrutta nativamente [[Openmoko/it]]. Questa guida ti aiuterà a conoscere il tuo Neo FreeRunner e ti indicherà come inizare ad usarlo.
 
! style="background:#fcfcfc;border-left:1px solid #9999cc;border-right:1px ; border-top:2px solid 75d806; border:1px solid #222222; width:25% " |
 
! style="background:#fcfcfc;border-left:1px solid #9999cc;border-right:1px ; border-top:2px solid 75d806; border:1px solid #222222; width:25% " |
[[Image:Freerunner box.png|200px|thumb|La confezione del Neo Freerunner]]
+
[[Image:Freerunner box.png|200px|thumb|La confezione del Neo FreeRunner]]
 
|}
 
|}
  
 
== Contenuti della Confezione ==
 
== Contenuti della Confezione ==
 
{| class="wikitable" cellspacing="2" cellpadding="2" style="padding: 0%; margin:0em 0em 1em 0em; border:1px solid #ffffff; background:#ffffff; width:80%; floating="center"; "
 
{| class="wikitable" cellspacing="2" cellpadding="2" style="padding: 0%; margin:0em 0em 1em 0em; border:1px solid #ffffff; background:#ffffff; width:80%; floating="center"; "
! style="background:#ffffff;border-left:1px solid #ffffff;border-right:1px ; border-top:2px solid ffffff; border:1px solid #ffffff; " |
+
! style="background:#ffffff;border-left:1px solid #ffffff;border-right:1px ; border-top:2px solid ffffff; border:1px solid #ffffff; " |
 
<div align="left">
 
<div align="left">
 
[[Image:GTA02ALL.png|400px|thumb|All'interno della Confezione]]
 
[[Image:GTA02ALL.png|400px|thumb|All'interno della Confezione]]
Line 25: Line 25:
 
</div>
 
</div>
  
== Iniziare a Conoscere il Neo Freerunner ==
+
== Iniziare a Conoscere il Neo FreeRunner ==
 
<div align-center>
 
<div align-center>
 
<table width="80%" style="clear: both; border: 1px solid #ffffff; border-collapse: collapse; padding: 0.2em; margin: 0; font-size: 100%; margin: 0 1px;">
 
<table width="80%" style="clear: both; border: 1px solid #ffffff; border-collapse: collapse; padding: 0.2em; margin: 0; font-size: 100%; margin: 0 1px;">
Line 31: Line 31:
 
<td style="width: 25px; padding-left: 0.5em;">
 
<td style="width: 25px; padding-left: 0.5em;">
 
</td>
 
</td>
<td style="width: 10px; white-space: nowrap; padding: 4px 1em 0 0.5em; border-right: 1px solid #ffffff;">[[Image:menu8.jpg|370px|thumb|Pulsante AUX Button e jack cuffie (da sinistra a destra)|center]]</td><td style="padding: 1px 1em 0; background: #ffffff;">
+
<td style="width: 10px; white-space: nowrap; padding: 4px 1em 0 0.5em; border-right: 1px solid #ffffff;">[[Image:menu8.jpg|370px|thumb|Pulsante AUX e jack cuffie (da sinistra a destra)|center]]</td><td style="padding: 1px 1em 0; background: #ffffff;">
[[Image:menu9.jpg|365px|thumb|Pulsante di Accensione, porta USB ed antenna GSM esterna (da sinistra a destra)|center]]</td></tr></table>
+
[[Image:menu9.jpg|365px|thumb|Pulsante di accensione (Power), porta USB e antenna GSM esterna (da sinistra a destra)|center]]</td></tr></table>
 
</div>
 
</div>
  
Line 54: Line 54:
  
 
=== Inserire la scheda Micro-SD, la SIM e la Batteria ===
 
=== Inserire la scheda Micro-SD, la SIM e la Batteria ===
# Rimuovere la cover posteriore del Neo Freerunner, tenendo il dispositivo per i lati e usando l'unghia fare leva nel taglio in cima al Neo Freerunner.
+
# Rimuovere la cover posteriore del Neo FreeRunner tenendo il dispositivo per i lati e, con l'unghia, facendo leva nel taglio visibile nella parte superiore del dispositivo.
# Ora dovreste essere in grado di riconoscere il sistema che blocca la scheda SIM e la memoria Micro-SD, al margine con lo scomparto per la batteria.
+
# Individuare il sistema che blocca la scheda SIM e la memoria Micro-SD, al fianco dello scomparto per la batteria.
# Sbloccare il fissa scheda SIM facendo scivolare con l'unghia la parte metallica in giù, in direzione dell'entrata USB. Prestare attenzione poichè queste parti sono delicate e potrebbero essere danneggiate forzandole nella direzione sbagliata.
+
# Sganciare il blocca scheda SIM facendo scivolare con l'unghia la parte metallica verso il basso (ovvero in direzione dell'entrata USB). Prestare attenzione durante l'operazione, poichè, data la delicatezza delle parti esse potrebbero rimanere danneggiate se forzate nella direzione sbagliata.
# Sollevare il fissa scheda SIM.
+
# Sollevare il blocca scheda SIM.
# La memoria Micro-SD è tenuta ferma da due fermagli su ambo i lati. È più facile aprire l'alloggiamento per la Micro-SD sbloccando i fermagli uno alla volta, anziché tirandolo dal mezzo, poiché tende ad aumentare la pressione sui fermagli laterali. Un cacciavite o un piccolo coltello possono aiutare in questa operazione.
+
# La memoria Micro-SD è bloccata da due fermagli su ambo i lati. Per una maggiore sicurezza, sarà possibile aprire l'alloggiamento per la Micro-SD sbloccando i fermagli uno alla volta, anziché tirando dal centro, poiché quest'ultima pratica tende ad aumentare la pressione sui fermagli laterali. Un cacciavite o un piccolo coltello possono aiutare in questa operazione.
# Inserire la memoria Micro-SD dentro all'apposito spazio. Nota che i contatti elettrici devono rivolgersi verso il basso e vicino al bordo del Neo Freerunner.
+
# Inserire la memoria Micro-SD nell'apposito spazio. Assicurarsi che i contatti elettrici siano rivolti verso il basso e vicino al bordo del Neo FreeRunner.
# Chiudere il fissa scheda Micro-SD, assicurandosi che entrambi i fermagli siano ben agganciati.
+
# Chiudere il blocca scheda Micro-SD assicurandosi che entrambi i fermagli siano ben agganciati.
# Inserire la scheda SIM dentro il fissa scheda SIM, facendo attenzione a farla scivolare dentro le due linguette metalliche. Nota che i contatti metallici devono essere rivolti verso il basso e l'angolo tagliato deve essere in direzione della presa dell'antenna GPS esterna.
+
# Inserire la scheda SIM nel blocca scheda SIM, facendo attenzione a farla scivolare dentro le due linguette metalliche. Assicurarsi che i contatti metallici siano rivolti verso il basso e l'angolo tagliato sia rivolto verso la presa dell'antenna GPS esterna.
# Chiudere il blocca scheda SIM e bloccarlo facendo scivolare la parte metallica in direzione della presa per l'antenna GPS esterna del Neo Freerunner.
+
# Chiudere il blocca scheda SIM e assicurarlo facendo scivolare la parte metallica in direzione della presa per l'antenna GPS esterna del Neo FreeRunner.
# Inserire la batteria nel compartimento per la batteria, allineando i contatti elettrici della batteria con quelli del comparto. Inserire prima il lato con i contatti elettrici.
+
# Inserire la batteria nell'apposito alloggiamento, allineando i contatti elettrici della batteria con quelli del dispositivo. Inserire prima il lato con i contatti elettrici.
# Rimettere la cover posteriore del Neo Freerunner.
+
# Reinserire la cover posteriore del Neo FreeRunner.
  
[[Image:FR_SIM_SD_open.jpg|457px|thumb|Alloggiamenti della SIM e della SD aperti, con le rispettive schede in sede|center]]
+
[[Image:FR_SIM_SD_open.jpg|457px|thumb|Alloggiamenti della SIM e della SD aperti, con rispettive schede in sede|center]]
  
=== Ricaricare il Neo Freerunner ===
+
=== Ricaricare il Neo FreeRunner ===
Quando si usa il Neo Freerunner per la prima volta, bisogna caricare la batteria completamente. La batteria può essere caricata con il caricatore fornito (a 1000mA) o con una porta USB che abbia la capacità di fornire 500mA di corrente. La maggior parte dei computer sarà in grado di caricare il Neo Freerunner senza problemi.
+
Per un corretto caricamento della batteria del Neo FreeRunner, durante il primo processo di carica, si consiglia di portarlo a termine completamente. La batteria può essere caricata con il caricatore fornito (a 1000mA) o con una porta USB che abbia la capacità di fornire 500mA di corrente. La maggior parte dei computer sarà in grado di caricare il Neo FreeRunner senza problemi.
  
 
Caricando a 100mA ci vorranno 6-12 ore, invece a 500mA ci vorrà 1-2 ore. ([http://openmoko.togaware.com/survivor/Charging.html openmoko.togaware.com])
 
Caricando a 100mA ci vorranno 6-12 ore, invece a 500mA ci vorrà 1-2 ore. ([http://openmoko.togaware.com/survivor/Charging.html openmoko.togaware.com])
  
===I bottoni===
+
===I pulsanti===
 
====Power====
 
====Power====
Premendo il bottone Power si uscirà dall'applicazione corrente.
+
Premendo il pulsante Power si uscirà dall'applicazione corrente.
  
Tenendo premuto il bottone Power invece apparirà un menù che vi permetterà di accendere e spegnere il GSP, WIFI, GSM, l'antenna Bluetooth, e anche spegnere il Neo Freerunner.
+
Tenendo premuto il pulsante Power invece apparirà un menù che vi permetterà di accendere e spegnere il GSP, WIFI, GSM, l'antenna Bluetooth, e anche spegnere il Neo FreeRunner.
  
====Aux====
+
==== Aux ====
Premendo per un secondo il bottone Aux apparirà un menù che vi permetterà di:
+
Premendo per un secondo il pulsante Aux apparirà un menù che vi permetterà di:
 
* Attivare lo schermo intero: per nascondere o mostrare la barra del titolo
 
* Attivare lo schermo intero: per nascondere o mostrare la barra del titolo
 
* Cambio di orientamento: ruota il contenuto dello schermo per la visualizzazione verticale o orizzontale
 
* Cambio di orientamento: ruota il contenuto dello schermo per la visualizzazione verticale o orizzontale
* Screenshot: parte un'applicazione che permette di catturare e salvare un'immagine del contanuto dello schermo
+
* Screenshot: parte un'applicazione che permette di catturare e salvare un'immagine del contenuto dello schermo
 +
 
 +
=== Password ===
 +
L'utente root di default non ha password. Per metterne una è sufficiente digitare nel terminale:
 +
# passwd
 +
La password sarà inserita, in forma criptata, nel file <tt>/etc/passwd</tt>.
 +
 
 +
=== Dare un nome al neonato ===
 +
Se l'hostname <tt>om-gta02</tt> non ci soddisfa, lo possiamo cambiare andando ad editare il file di configurazione in questione con
 +
# vi /etc/hostname
  
 
=== Sbloccare lo Schermo ===
 
=== Sbloccare lo Schermo ===
Line 92: Line 101:
 
''Nota:'' questa sezione descrive l'interfaccia utilizzata dall'immagine "2007.2", che è correntemente l'immagine predefinita Openmoko.
 
''Nota:'' questa sezione descrive l'interfaccia utilizzata dall'immagine "2007.2", che è correntemente l'immagine predefinita Openmoko.
  
====Schermata Oggi====
+
==== Schermata Oggi ====
 
[[Image:Todaypage_reduced_false.png|right|200px|]]
 
[[Image:Todaypage_reduced_false.png|right|200px|]]
La prima cosa che vi apparirà dopo aver fatto partire l'Openmoko è la pagina "Oggi". Questa è la vostra pagina principale. Sulla riga in alto, troverete le icone che indicano lo stato del vostro telefono. In seconda riga ci sono dei collegamenti alle applicazioni più usate, come il tastierino numerico per le chiamate. Il corpo principale della schermata è la vostra schermata principale, con un orologio in mezzo e con altre informazioni utili. La riga in basso è composta da tre linguette che rappresentano le schermate Oggi(quella che stiamo visualizzando ora), schermata di Avvio delle Applicazioni e la schermata dei Processi in Esecuzione.
+
La prima cosa che vi apparirà dopo aver fatto partire l'Openmoko è la pagina "Oggi". Questa è la vostra pagina principale. Sulla riga in alto, troverete le icone che indicano lo stato del vostro telefono. In seconda riga ci sono dei collegamenti alle applicazioni più usate, come il tastierino numerico per le chiamate. Il corpo principale della schermata è la vostra schermata principale, con un orologio in mezzo e con altre informazioni utili. La riga in basso è composta da tre linguette che rappresentano le schermate Oggi (quella che stiamo visualizzando ora), schermata di Avvio delle Applicazioni e la schermata dei Processi in Esecuzione.
  
Si veda [[Today/2007.2/it]] per maggiori informazioni a riguardo della schermata Oggi e sulla sua personalizzazione.<br clear=all />
+
Si veda [[Today/2007.2/it]] per maggiori informazioni a riguardo della schermata Oggi e sulla sua personalizzazione.
  
 
====Schermata per l'Avvio delle Applicazione====
 
====Schermata per l'Avvio delle Applicazione====
Line 124: Line 133:
 
Nel momento in cui scriviamo, non esiste modo di regolare il volume dallo schermo.
 
Nel momento in cui scriviamo, non esiste modo di regolare il volume dallo schermo.
  
Per ora dovete lanciare il Terminale o [[Getting_Started_with_your_Neo_FreeRunner#Connect_to_the_Neo_FreeRunner_By_USB_Networking|log in via usb]], e avviare l'applicazione [[alsamixer]]. Il mixer è più semplice di quel che sembra. Basta muoversi con i tasti direzionali destra e sinistra per selezionare "headphone" (cuffie) o "PCM", ed utilizzare i tasti direzionali su e giu per regolare il volume. Si può anche regolare il microfono con la regolazione di "mic2". Premere poi ESC quando finito. A questo punto chiudere il Terminale o fare logout dal login USB.
+
Per ora dovete lanciare il Terminale o effettuare il [[Getting_Started_with_your_Neo_FreeRunner#Connect_to_the_Neo_FreeRunner_By_USB_Networking|log in via usb]], e avviare l'applicazione [[Neo_alsamixer|alsamixer]]. Il mixer è più semplice di quel che sembra. Basta muoversi con i tasti direzionali destra e sinistra per selezionare "headphone" (cuffie) o "PCM", ed utilizzare i tasti direzionali su e giu per regolare il volume. Si può anche regolare il microfono con la regolazione di "mic2". Premere poi ESC quando finito. A questo punto chiudere il Terminale o fare logout dal login USB.
  
 
Dovrai aggiornare i file di configurazione in /usr/share/openmoko/scenarios/ per rendere le regolazione del microfono permanenti. Per fare ciò, usa
 
Dovrai aggiornare i file di configurazione in /usr/share/openmoko/scenarios/ per rendere le regolazione del microfono permanenti. Per fare ciò, usa
alsactl -f ''path-to-statefile'' store
+
alsactl -f ''path-to-statefile'' store
  
 
=== Accedere alla scheda Micro-SD ===
 
=== Accedere alla scheda Micro-SD ===
Line 135: Line 144:
 
=== Importare i contatti===
 
=== Importare i contatti===
  
Se puoi esportare i tuoi contatti nel formato VCard, sia in file multipli, sia in un unico file che li contiene tutti, puoi usare lo script della schermata [[Import Vcf Contacts]] per portarli tutti sul Neo Freerunner.
+
Se puoi esportare i tuoi contatti nel formato VCard, sia in file multipli, sia in un unico file che li contiene tutti, puoi usare lo script della schermata [[Import Vcf Contacts]] per portarli tutti sul Neo FreeRunner.
  
 
=== Dove andare quando le cosa vanno male ===
 
=== Dove andare quando le cosa vanno male ===
Line 141: Line 150:
 
Puoi chiedere aiuto sulla mailing list di supporto: maggiori informazioni su https://lists.openmoko.org/mailman/listinfo/support
 
Puoi chiedere aiuto sulla mailing list di supporto: maggiori informazioni su https://lists.openmoko.org/mailman/listinfo/support
  
[[Freerunner_Hardware_Issues]]
+
[[FreeRunner_Hardware_Issues]]
  
== Connettere il Neo Freerunner alla Rete via USB ==
+
== Connettere il Neo FreeRunner alla Rete via USB ==
Connettere il Neo Freerunner a un computer GNU/Linux con il cavo USB. Per fare questo con Mac OS X, riferitevi a [[MacOS_X]]; invece per fare ciò con Windows XP e Vista, riferitevi a [[Neo1973_and_Windows]] (che funziona anche per il Neo Freerunner). Dopo il boot nell'immagine di Openmoko avrete una nuova interfaccia, usb0, sul vostro computer GNU/Linux.
+
Connettere il Neo FreeRunner a un computer GNU/Linux con il cavo USB. Per fare questo con Mac OS X, riferitevi a [[MacOS_X]]; invece per fare ciò con Windows XP e Vista, riferitevi a [[Neo1973_and_Windows]] (che funziona anche per il Neo FreeRunner). Dopo il boot nell'immagine di Openmoko avrete una nuova interfaccia, usb0, sul vostro computer GNU/Linux.
  
 
===== Metodo Manuale =====
 
===== Metodo Manuale =====
 
Digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:
 
Digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:
  
ifconfig usb0 192.168.0.200 netmask 255.255.255.0
+
ifconfig usb0 192.168.0.200 netmask 255.255.255.0
ssh root@192.168.0.202
+
ssh root@192.168.0.202
  
 
Premere Invio per inserire la password.
 
Premere Invio per inserire la password.
Line 158: Line 167:
 
Modificare il file /etc/network/interfaces:
 
Modificare il file /etc/network/interfaces:
  
auto usb0
+
auto usb0
iface usb0 inet static
+
iface usb0 inet static
address 192.168.0.200
+
address 192.168.0.200
netmask 255.255.255.0
+
netmask 255.255.255.0
  
*Gentoo  
+
*Gentoo
 
Modificare il file /etc/conf.d/net:
 
Modificare il file /etc/conf.d/net:
  
config_usb0="192.168.0.200/24"
+
config_usb0="192.168.0.200/24"
  
 
Riavviare i servizi di rete('/etc/init.d/networking restart' per i sistemi basati su Debian) e quindi digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:
 
Riavviare i servizi di rete('/etc/init.d/networking restart' per i sistemi basati su Debian) e quindi digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:
  
ssh root@192.168.0.202
+
ssh root@192.168.0.202
  
 
Premere Invio per inserire la password.
 
Premere Invio per inserire la password.
Line 177: Line 186:
 
Se il tuo dispositivo di rete sta usando un intervallo di ip 192.168.0.x dovrai usare il seguente comando prima di poterti connettere:
 
Se il tuo dispositivo di rete sta usando un intervallo di ip 192.168.0.x dovrai usare il seguente comando prima di poterti connettere:
  
route add -host 192.168.0.202 dev usb0 }}
+
route add -host 192.168.0.202 dev usb0 }}
  
 
===== Automatizzare ancora di più le operazioni =====
 
===== Automatizzare ancora di più le operazioni =====
 
Se non vuoi doverti ricordare l'indirizzo ip del tuo telefono, puoi creare un alias aggiungerndo la seguente riga nel file /etc/hosts:
 
Se non vuoi doverti ricordare l'indirizzo ip del tuo telefono, puoi creare un alias aggiungerndo la seguente riga nel file /etc/hosts:
  
192.168.0.202  openmoko
+
192.168.0.202  openmoko
  
 
Ora sarà possibile connettersi al proprio telefono usando il seguente comando:
 
Ora sarà possibile connettersi al proprio telefono usando il seguente comando:
  
ssh root@openmoko
+
ssh root@openmoko
  
 
Il comando precedente ti fornisce solamente una connessione con una Shell sicura con il tuo dispositivo Openmoko, non ti permette di collegare il tuo dispositivo a Internet. Se ti interessa collegare il tuo dispositivo a Internet leggi alla sezione [[USB_Networking]].
 
Il comando precedente ti fornisce solamente una connessione con una Shell sicura con il tuo dispositivo Openmoko, non ti permette di collegare il tuo dispositivo a Internet. Se ti interessa collegare il tuo dispositivo a Internet leggi alla sezione [[USB_Networking]].
  
 
===== Condividere la tua connessione ad Internet via USB =====
 
===== Condividere la tua connessione ad Internet via USB =====
Per accedere a internet con il Neo Freerunner attraverso una connesione USB, avrai bisogno di fare alcune modifiche al PC attraverso cui ci si sta connettendo.
+
Per accedere a internet con il Neo FreeRunner attraverso una connesione USB, avrai bisogno di fare alcune modifiche al PC attraverso cui ci si sta connettendo.
  
 
In Ubuntu:
 
In Ubuntu:
Line 197: Line 206:
 
Dentro al file /etc/network/interfaces, la configurazione dell'interfaccia in questo modo:
 
Dentro al file /etc/network/interfaces, la configurazione dell'interfaccia in questo modo:
  
auto usb0
+
auto usb0
iface usb0 inet static
+
iface usb0 inet static
    address 192.168.0.200
+
address 192.168.0.200
    netmask 255.255.255.0
+
netmask 255.255.255.0
    network 192.168.0.0
+
network 192.168.0.0
    up iptables -A POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &
+
up iptables -A POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &
    up echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward &
+
up echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward &
    up iptables -P FORWARD ACCEPT &
+
up iptables -P FORWARD ACCEPT &
    down iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &
+
down iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &
  
 
In Fedora:
 
In Fedora:
  
 
Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-usb0 così:
 
Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-usb0 così:
DEVICE=usb0
+
DEVICE=usb0
IPADDR=192.168.0.200
+
IPADDR=192.168.0.200
NETMASK=255.255.255.0
+
NETMASK=255.255.255.0
  
 
Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifup-usb così:
 
Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifup-usb così:
#!/bin/bash
+
#!/bin/bash
+
 
. /etc/init.d/functions
+
. /etc/init.d/functions
+
 
cd /etc/sysconfig/network-scripts
+
cd /etc/sysconfig/network-scripts
. ./network-functions
+
. ./network-functions
+
 
[ -f ../network ] && . ../network
+
[ -f ../network ] && . ../network
+
 
CONFIG=${1}
+
CONFIG=${1}
+
 
need_config ${CONFIG}
+
need_config ${CONFIG}
+
 
source_config
+
source_config
+
 
NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`
+
NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`
+
 
/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null
+
/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null
/sbin/ip link set dev ${DEVICE} up
+
/sbin/ip link set dev ${DEVICE} up
/sbin/ip addr add dev ${DEVICE} ${IPADDR}/${NETBITS}
+
/sbin/ip addr add dev ${DEVICE} ${IPADDR}/${NETBITS}
+
 
/sbin/iptables -I POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}
+
/sbin/iptables -I POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}
/sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=1
+
/sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=1
/sbin/iptables -I FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
+
/sbin/iptables -I FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
/sbin/iptables -I FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
+
/sbin/iptables -I FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
  
 
Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifdown-usb così:
 
Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifdown-usb così:
#!/bin/bash
+
#!/bin/bash
+
 
. /etc/init.d/functions
+
. /etc/init.d/functions
+
 
cd /etc/sysconfig/network-scripts
+
cd /etc/sysconfig/network-scripts
. ./network-functions
+
. ./network-functions
+
 
[ -f ../network ] && . ../network
+
[ -f ../network ] && . ../network
+
 
CONFIG=${1}
+
CONFIG=${1}
+
 
need_config ${CONFIG}
+
need_config ${CONFIG}
+
 
source_config
+
source_config
+
 
NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`
+
NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`
+
 
/sbin/iptables -D FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
+
/sbin/iptables -D FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
/sbin/iptables -D FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
+
/sbin/iptables -D FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
/sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=0
+
/sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=0
/sbin/iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}
+
/sbin/iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}
+
 
/sbin/ip link set dev ${DEVICE} down
+
/sbin/ip link set dev ${DEVICE} down
/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null
+
/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null
  
Se stai utilizzanto il NetworkManger, riavvialo e attiva il dispositivo USB dal suo menù, altrimentidisabiliterà la tua connessione dopo che l'avrai attivata.
+
Se stai utilizzanto il NetworkManger, riavvialo e attiva il dispositivo USB dal suo menù, altrimenti disabiliterà la tua connessione dopo che l'avrai attivata.
/sbin/service NetworkManager restart
+
/sbin/service NetworkManager restart
  
 
=====Aggiornare il DNS=====
 
=====Aggiornare il DNS=====
  
Una volta che il tuo PC è configurato, modifica /etc/network/interfaces sul tuo Neo Freerunner e cambia il codice da così:
+
Una volta che il tuo PC è configurato, modifica /etc/network/interfaces sul tuo Neo FreeRunner e cambia il codice da così:
  
iface usb0 inet static
+
iface usb0 inet static
        address 192.168.0.202
+
address 192.168.0.202
        netmask 255.255.255.0
+
netmask 255.255.255.0
        network 192.168.0.0
+
network 192.168.0.0
        gateway 192.168.0.200
+
gateway 192.168.0.200
        up echo nameserver 192.168.0.200 > /etc/resolv.conf
+
up echo nameserver 192.168.0.200 > /etc/resolv.conf
  
 
a qualcosa che punti al nome reale del server, come un sistema publico DNS da OpenDNS, come questo:
 
a qualcosa che punti al nome reale del server, come un sistema publico DNS da OpenDNS, come questo:
  
iface usb0 inet static
+
iface usb0 inet static
        address 192.168.0.202
+
address 192.168.0.202
        netmask 255.255.255.0
+
netmask 255.255.255.0
        network 192.168.0.0
+
network 192.168.0.0
        gateway 192.168.0.200
+
gateway 192.168.0.200
        up echo nameserver 208.67.222.222 > /etc/resolv.conf
+
up echo nameserver 208.67.222.222 > /etc/resolv.conf
        up echo nameserver 208.67.220.220 >> /etc/resolv.conf
+
up echo nameserver 208.67.220.220 >> /etc/resolv.conf
  
 
Nota: ''vi'' sembra che sia l'unico editor di testo disponibile di default.  Vedi [http://www.cs.colostate.edu/helpdocs/vi.html basic vi commands] per l'aiuto.
 
Nota: ''vi'' sembra che sia l'unico editor di testo disponibile di default.  Vedi [http://www.cs.colostate.edu/helpdocs/vi.html basic vi commands] per l'aiuto.
Line 295: Line 304:
 
Nell'immagine caricata di fabbrica OM2007.2, digita quanto segue per riavviare la rete, per far si che le modifiche al DNS abbiano effetto:
 
Nell'immagine caricata di fabbrica OM2007.2, digita quanto segue per riavviare la rete, per far si che le modifiche al DNS abbiano effetto:
  
/etc/rc0.d/K40networking restart
+
/etc/rc0.d/K40networking restart
  
Se continuo a non essere in grado di andare su internet con il tuo Neo Freerunner, e stai usando Mandriva e/o hai la tua LAN su 192.168.0.0/24, [[User:Linuxpaul|questa pagina]] dovrebbe aiutarti.
+
Se continui a non essere in grado di andare su internet con il tuo Neo FreeRunner, e stai usando Mandriva e/o hai la tua LAN su 192.168.0.0/24, [[User:Linuxpaul|questa pagina]] dovrebbe aiutarti.
  
 
==L'Architettura==
 
==L'Architettura==
  
Tre livelli compongono il software del Neo Freerunner:
+
Tre livelli compongono il software del Neo FreeRunner:
  
 
===U-Boot===
 
===U-Boot===
Line 315: Line 324:
 
Il resto del sistema.
 
Il resto del sistema.
  
==Updating the software==
+
== Aggiornare il software ==
 +
Per aggiornare il Neo FreeRunner con le ultime novità e correzioni di sicurezza, ed è preferibile aggiornarlo periodicamente. Sono due i metodi principali per farlo:
  
Per aggiornare il Neo Freerunner con le ultime novità e correzioni di sicurezza, ed è preferibile aggiornarlo periodicamente. Sono due i metodi principali per farlo:
+
=== opkg ===
 +
Dando per scontato che il vostro Neo FreeRunner possa accedere a internet (nel caso guarda sopra), si può aggiornare il kernel e gli altri pacchetti con:
  
===opkg===
+
# opkg update
 
+
# opkg upgrade
Dando per scontato che il vostro Neo Freerunner possa accedere a internet (nel caso guarda sopra), si può aggiornare il kernel e gli altri pacchetti con:
+
 
+
# opkg update
+
# opkg upgrade
+
  
 
Il primo comando aggiorna le informazioni sui repository, dicendo a opkg quali pacchetti sono disponibili. La seconda istruzione aggiorna i pacchetti per cui è disponibile una versione aggiornata. Al momento mancano alcune firme su alcuni file, per cui opkg si lamenterà un pò, ma nulla di importante.
 
Il primo comando aggiorna le informazioni sui repository, dicendo a opkg quali pacchetti sono disponibili. La seconda istruzione aggiorna i pacchetti per cui è disponibile una versione aggiornata. Al momento mancano alcune firme su alcuni file, per cui opkg si lamenterà un pò, ma nulla di importante.
Line 330: Line 337:
 
In un futuro sarà anche possibile aggiornare U-Boot con opkg, ma per ora non è ancora stata implementata.
 
In un futuro sarà anche possibile aggiornare U-Boot con opkg, ma per ora non è ancora stata implementata.
  
====Problemi frequenti====
+
==== Problemi frequenti ====
 
+
 
Quando lancerete ''opkg update'' dovreste vedere
 
Quando lancerete ''opkg update'' dovreste vedere
<nowiki> Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
+
 
 +
<nowiki> Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
 
  100% |========================================================================|
 
  100% |========================================================================|
 
  Inflating http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
 
  Inflating http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
  Updated list of available packages in /var/lib/opkg/daily-all</nowiki>
+
  Updated list of available packages in /var/lib/opkg/daily-all</nowiki>  
 
e così via.
 
e così via.
  
 
Se vedi
 
Se vedi
<nowiki> Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
+
 
 +
<nowiki> Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
 
  Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.sig
 
  Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.sig
  Signature check failed</nowiki>
+
  Signature check failed</nowiki>  
 
allora il download è fallito. Guarda [[Network Troubleshooting]] per maggiori informazioni.
 
allora il download è fallito. Guarda [[Network Troubleshooting]] per maggiori informazioni.
  
===Flashing===
+
=== Flashing ===
 
+
 
U-Boot, il kernel e il filesystem root possono essere aggiornati, scrivento sulla memeoria Flash direttamente (''flashare''). Per U-Boot è anche l'unica possibilità. Il vantaggio di flashare il kernel direttamente, anzichè aggiornarlo da opkg pare sia solo la velocità.
 
U-Boot, il kernel e il filesystem root possono essere aggiornati, scrivento sulla memeoria Flash direttamente (''flashare''). Per U-Boot è anche l'unica possibilità. Il vantaggio di flashare il kernel direttamente, anzichè aggiornarlo da opkg pare sia solo la velocità.
  
Line 352: Line 359:
  
 
== Modifiche all'immagine 2007.2 ==
 
== Modifiche all'immagine 2007.2 ==
L'immagine standard [[Openmoko2007.2]] inserita nei Neo Freerunner dopo la loro produzione è solo essenziale. Ad esempio non è mostrato l'orologio e le icone. Così è come potete cambiarli:
+
L'immagine standard [[Openmoko2007.2]] inserita nei Neo FreeRunner dopo la loro produzione è solo essenziale. Ad esempio non è mostrato l'orologio e le icone. Così è come potete cambiarli:
  
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
+
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
# /etc/init.d/xserver-nodm restart
+
# /etc/init.d/xserver-nodm restart
  
 
Se avete un orologio analogico anziché quello digitale, fate così:
 
Se avete un orologio analogico anziché quello digitale, fate così:
  
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
+
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/digital_clock false
+
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/digital_clock false
# /etc/init.d/xserver-nodm restart
+
# /etc/init.d/xserver-nodm restart
  
  
Line 374: Line 381:
 
Il modo più semplice per fare funzionare il GPS è:
 
Il modo più semplice per fare funzionare il GPS è:
  
# opkg install gpsd
+
# opkg install gpsd
  
 
sul Neo FreeRunner,
 
sul Neo FreeRunner,
  
# echo "GPS_DEV=\"/dev/ttySAC1\"" > /etc/default/gpsd
+
# echo "GPS_DEV=\"/dev/ttySAC1\"" > /etc/default/gpsd
  
 
e riavviare gpsd, il demone del gps, con
 
e riavviare gpsd, il demone del gps, con
  
# /etc/init.d/gpsd restart
+
# /etc/init.d/gpsd restart
  
 
Per testare il GPS, potete usare agpsui:
 
Per testare il GPS, potete usare agpsui:
  
# opkg install openmoko-agpsui
+
# opkg install openmoko-agpsui
  
 
Per una bella mappa, provate tangoGPS:
 
Per una bella mappa, provate tangoGPS:
  
# opkg install tangogps
+
# opkg install tangogps
  
 
=== GPRS ===
 
=== GPRS ===
Line 404: Line 411:
 
Se rivolete il Media Player:
 
Se rivolete il Media Player:
  
# opkg install openmoko-mediaplayer2
+
# opkg install openmoko-mediaplayer2
# wget http://abraxa.dyndns.org:81/random/openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2
+
# wget http://abraxa.dyndns.org:81/random/openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2
# tar xjf openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2 -C /usr/share/themes/Moko/gtk-2.0
+
# tar xjf openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2 -C /usr/share/themes/Moko/gtk-2.0
# rm openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2
+
# rm openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2
  
 
Se volete una basilare visualizzatore di immagini, date un occhio a quello della suite GPE:
 
Se volete una basilare visualizzatore di immagini, date un occhio a quello della suite GPE:
  
# opkg install gpe-icons gpe-gallery
+
# opkg install gpe-icons gpe-gallery
  
 
Il browser web:
 
Il browser web:
  
# opkg install openmoko-browser2
+
# opkg install openmoko-browser2
  
 
Per installare un browser alternativo, ''Minimo'', che offre altre diverse funzionalità, dobbiamo prima scaricare e scompattare su un sistema GNU/Linux l'archivio:
 
Per installare un browser alternativo, ''Minimo'', che offre altre diverse funzionalità, dobbiamo prima scaricare e scompattare su un sistema GNU/Linux l'archivio:
  
# wget http://www.ginguppin.de/files/minimo.tar.bz2
+
# wget http://www.ginguppin.de/files/minimo.tar.bz2
# tar jvxf minimo.tar.bz2
+
# tar jvxf minimo.tar.bz2
  
 
poi copiarlo sul Neo FreeRunner:
 
poi copiarlo sul Neo FreeRunner:
# scp minimo_* root@openmoko:/tmp
+
# scp minimo_* root@openmoko:/tmp
  
 
Quindi sul Neo FreeRunner digitare:
 
Quindi sul Neo FreeRunner digitare:
# opkg install /tmp/minimo_0.02\+cvs20070626-r0_armv4t.ipk
+
# opkg install /tmp/minimo_0.02\+cvs20070626-r0_armv4t.ipk
  
 
Ci sono un mucchio di applicazioni che potete installare. Controllate i [[Repositories]] per una lista dei pacchetti.
 
Ci sono un mucchio di applicazioni che potete installare. Controllate i [[Repositories]] per una lista dei pacchetti.
  
== Effettuare il Boot sul Neo Freerunner ==
+
== Effettuare il Boot sul Neo FreeRunner ==
Potete avviare il vostro Neo Freerunner nei seguenti modi:
+
Potete avviare il vostro Neo FreeRunner nei seguenti modi:
  
 
: [[Image:Circle2.gif|10px]]    Potete avviarlo direttamente nell'immagine Openmoko.
 
: [[Image:Circle2.gif|10px]]    Potete avviarlo direttamente nell'immagine Openmoko.
Line 475: Line 482:
 
<td style="width: 10px; white-space: nowrap; padding: 4px 1em 0 0.5em; border-right: 1px solid #ffffff;">[[Image:Menu6.jpg|200px|right|thumb]]</td><td style="padding: 1px 1em 0; background: #eeeeee;">
 
<td style="width: 10px; white-space: nowrap; padding: 4px 1em 0 0.5em; border-right: 1px solid #ffffff;">[[Image:Menu6.jpg|200px|right|thumb]]</td><td style="padding: 1px 1em 0; background: #eeeeee;">
  
Premere e mantenere premuto il bottone AUX e poi il bottone Power. Quindi rilasciare il bottone AUX. Dovrebbe apparire il menu di boot della memoria Flash NOR. Questa opzione è usata solitamente dagli sviluppatori, o quando si aggiorna il Freerunner. Se non si riesce ad entrare nell'U-Boot della NAND, si riuscirà comunque ad entrare il quello della memoria Flash NOR.
+
Premere e mantenere premuto il bottone AUX e poi il bottone Power. Quindi rilasciare il bottone AUX. Dovrebbe apparire il menu di boot della memoria Flash NOR. Questa opzione è usata solitamente dagli sviluppatori, o quando si aggiorna il FreeRunner. Se non si riesce ad entrare nell'U-Boot della NAND, si riuscirà comunque ad entrare il quello della memoria Flash NOR.
 
</td></tr></table>
 
</td></tr></table>
 
</div>
 
</div>
Line 484: Line 491:
 
2. [[Boot dalla scheda SD|Boot dalla MicroSD]]
 
2. [[Boot dalla scheda SD|Boot dalla MicroSD]]
  
3. Setta la console a USB  
+
3. Setta la console a USB
  
 
4. Setta la console a Serial
 
4. Setta la console a Serial
Line 495: Line 502:
  
 
== Aggiornare il Neo FreeRunner ==
 
== Aggiornare il Neo FreeRunner ==
Dato che Openmoko è in continuo sviluppo, Openmoko rilascia delle versioni aggiornate del filesystem root, del kernel e del [[Bootloader| U-Boot]]. Questi possono essere inseriti nella memoria Flash del Neo Freerunner. Puoi usare il cavo USB e il programma forniti per aggiornare il tuo Neo Freerunner.
+
Dato che Openmoko è in continuo sviluppo, Openmoko rilascia delle versioni aggiornate del filesystem root, del kernel e del [[Bootloader| U-Boot]]. Questi possono essere inseriti nella memoria Flash del Neo FreeRunner. Puoi usare il cavo USB e il programma forniti per aggiornare il tuo Neo FreeRunner.
  
 
{{note|L'Openmoko software team rilascia immagini del sistema aggiornate giornalmente. Se vuoi usare le ultime immagini, puoi scaricarle dal ''daily build'', ma noi raccomandiamo di usare l'immagine più stabile, scaricabile da http://downloads.openmoko.org/releases/. Le immagini presenti sono testate dal team di test.
 
{{note|L'Openmoko software team rilascia immagini del sistema aggiornate giornalmente. Se vuoi usare le ultime immagini, puoi scaricarle dal ''daily build'', ma noi raccomandiamo di usare l'immagine più stabile, scaricabile da http://downloads.openmoko.org/releases/. Le immagini presenti sono testate dal team di test.
Line 502: Line 509:
  
 
=== Step1. Scaricare DFU-util ===
 
=== Step1. Scaricare DFU-util ===
Puoi scaricare il software per l'aggiornamento da:  
+
Puoi scaricare il software per l'aggiornamento da:
 
http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util
 
http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util
  
 
Su un sistema GNU/Linux puoi usare i seguenti programmi per scaricare ''dfu-util'':
 
Su un sistema GNU/Linux puoi usare i seguenti programmi per scaricare ''dfu-util'':
wget http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util
+
wget http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util
  
 
Successivamente dovete cambiare i permessi al file:
 
Successivamente dovete cambiare i permessi al file:
chmod a+x dfu-util
+
chmod a+x dfu-util
  
 
=== Step 2. Preparare il Neo FreeRunner===
 
=== Step 2. Preparare il Neo FreeRunner===
  
Spegnere il FreeRunner se è acceso ed entrare nell'U-Boot della NOR Flash. Per svolgere l'aggiornamento il Neo Freerunner ha bisogno di essere dentro l'U-Boot.
+
Spegnere il FreeRunner se è acceso ed entrare nell'U-Boot della NOR Flash. Per svolgere l'aggiornamento il Neo FreeRunner ha bisogno di essere dentro l'U-Boot.
 +
 
 +
[[Image:menu15.jpg|thumb|Entra nell'U-Boot della NOR Flash, connetti il tuo Neo con il sistema Linux attraverso il cavo USB]]
  
 
Collegarlo al PC tramite cavo USB e dare il comando ./dfu-util -l
 
Collegarlo al PC tramite cavo USB e dare il comando ./dfu-util -l
Line 519: Line 528:
 
Il comando restituirà una stringa simile a questa:
 
Il comando restituirà una stringa simile a questa:
  
dfu-util - (C) 2007 by OpenMoko Inc.              
+
dfu-util - (C) 2007 by OpenMoko Inc.
 
This program is Free Software and has ABSOLUTELY NO WARRANTY
 
This program is Free Software and has ABSOLUTELY NO WARRANTY
  
Line 525: Line 534:
  
 
Annotare il valore compreso fra le parentesi quadre, qualcosa del tipo ??????:??????
 
Annotare il valore compreso fra le parentesi quadre, qualcosa del tipo ??????:??????
 
  
 
=== Step 3. Aggiornare il Kernel ===
 
=== Step 3. Aggiornare il Kernel ===
Line 533: Line 541:
  
 
Digita i seguenti comandi su un sistema GNU/Linux. In alcuni sistemi bisogna essere l'utente root prima di fare questo lavoro.
 
Digita i seguenti comandi su un sistema GNU/Linux. In alcuni sistemi bisogna essere l'utente root prima di fare questo lavoro.
+
 
./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a kernel -R -D (nome del file dell'immagine scaricato precedentemente).
+
./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a kernel -R -D (nome del file dell'immagine scaricato precedentemente).
  
  
 
esempio:
 
esempio:
  
./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a kernel -R -D Om2008.8.uImage.bin
+
./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a kernel -R -D Om2008.8.uImage.bin
  
{| class="wikitable" cellspacing="2" cellpadding="2" style="padding: 0%; margin:0em 0em 1em 0em; border:0px solid #ffffff; background:#ffffff; width:100%;floating="center"; "
 
! style="background:#ffffff;border-left:1px solid #ffffff;border-right:1px ; border-top:2px solid ffffff; border:1px solid #ffffff; width:75% " | 
 
<div align="left">
 
[[Image:menu15.jpg|thumb|Entra nell'U-Boot della NOR Flash, connetti il tuo Neo con il sistema Linux attraverso il cavo USB]]
 
Prima di eseguire il comando, entrare nell'U-Boot della NOR Flash. Il Neo Freerunner ha bisogno di essere entrato dentro l'U-Boot prima di fare l'aggiornamento.
 
 
Ti servirà connettere il tuo Neo con il sistema GNU/Linux con il cavo USB. Premere Invio per eseguire il comando.
 
  
 
Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC verrà esposto il seguente messaggio:
 
Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC verrà esposto il seguente messaggio:
Line 553: Line 554:
 
status(0) = No error condition is present<br>
 
status(0) = No error condition is present<br>
 
Done!
 
Done!
</div>
 
|}
 
  
 
{{note| Il significato dei parametri che avete dato è:
 
{{note| Il significato dei parametri che avete dato è:
Line 571: Line 570:
 
Digita i seguenti comandi in un sistema GNU/Linux. Su alcuni sistemi bisogna essere l'utente root (amministratore).
 
Digita i seguenti comandi in un sistema GNU/Linux. Su alcuni sistemi bisogna essere l'utente root (amministratore).
  
./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a rootfs -R -D (nome del file contenente il filesystem root)
+
./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a rootfs -R -D (nome del file contenente il filesystem root)
  
 
esempio:
 
esempio:
  
./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a rootfs -R -D Om2008.8.rootfs.jffs2  
+
./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a rootfs -R -D Om2008.8.rootfs.jffs2
  
 
Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC sarà mostrato il seguente messaggio:
 
Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC sarà mostrato il seguente messaggio:
  
status(0) = No error condition is present<br>
+
status(0) = No error condition is present<br>
Done!
+
Done!
  
 
== Appendice ==
 
== Appendice ==
Se ti interessa sapere altri riguardo il Neo Freerunner allora puoi suguire questi argomenti:
+
Se ti interessa sapere altri riguardo il Neo FreeRunner allora puoi suguire questi argomenti:
  
 
* [[GTA02 Openness]]
 
* [[GTA02 Openness]]
Line 594: Line 593:
 
Per cercare con Google su questo wiki scrivere quanto segue:
 
Per cercare con Google su questo wiki scrivere quanto segue:
  
<search term> site:http://wiki.openmoko.org/wiki/
+
<search term> site:http://wiki.openmoko.org/wiki/
  
 
Un ottimo tool per cercare nelle Openmoko mailing list è http://openmoko.markmail.org/ .
 
Un ottimo tool per cercare nelle Openmoko mailing list è http://openmoko.markmail.org/ .
  
 
[[Category:Neo FreeRunner Hardware/it]]
 
[[Category:Neo FreeRunner Hardware/it]]

Latest revision as of 10:26, 12 January 2010


Grazie per aver comprato questa versione da Sviluppatori del Neo FreeRunner. Il telefono Neo FreeRunner è la seconda piattaforma hardware che sfrutta nativamente Openmoko/it. Questa guida ti aiuterà a conoscere il tuo Neo FreeRunner e ti indicherà come inizare ad usarlo.

La confezione del Neo FreeRunner

Contents

[edit] Contenuti della Confezione

All'interno della Confezione
Circle2.gif Neo FreeRunner
Circle2.gif Stylus
Circle2.gif Batteria
Circle2.gif Caricatore
Circle2.gif Cavo USB
Circle2.gif Scheda microSD da 512MB

[edit] Iniziare a Conoscere il Neo FreeRunner

Pulsante AUX e jack cuffie (da sinistra a destra)
Pulsante di accensione (Power), porta USB e antenna GSM esterna (da sinistra a destra)
Parte posteriore
Inserisci qui la SIM e la scheda di memoria
Apri il case da questo lato
Aperto!

[edit] Inserire la scheda Micro-SD, la SIM e la Batteria

  1. Rimuovere la cover posteriore del Neo FreeRunner tenendo il dispositivo per i lati e, con l'unghia, facendo leva nel taglio visibile nella parte superiore del dispositivo.
  2. Individuare il sistema che blocca la scheda SIM e la memoria Micro-SD, al fianco dello scomparto per la batteria.
  3. Sganciare il blocca scheda SIM facendo scivolare con l'unghia la parte metallica verso il basso (ovvero in direzione dell'entrata USB). Prestare attenzione durante l'operazione, poichè, data la delicatezza delle parti esse potrebbero rimanere danneggiate se forzate nella direzione sbagliata.
  4. Sollevare il blocca scheda SIM.
  5. La memoria Micro-SD è bloccata da due fermagli su ambo i lati. Per una maggiore sicurezza, sarà possibile aprire l'alloggiamento per la Micro-SD sbloccando i fermagli uno alla volta, anziché tirando dal centro, poiché quest'ultima pratica tende ad aumentare la pressione sui fermagli laterali. Un cacciavite o un piccolo coltello possono aiutare in questa operazione.
  6. Inserire la memoria Micro-SD nell'apposito spazio. Assicurarsi che i contatti elettrici siano rivolti verso il basso e vicino al bordo del Neo FreeRunner.
  7. Chiudere il blocca scheda Micro-SD assicurandosi che entrambi i fermagli siano ben agganciati.
  8. Inserire la scheda SIM nel blocca scheda SIM, facendo attenzione a farla scivolare dentro le due linguette metalliche. Assicurarsi che i contatti metallici siano rivolti verso il basso e l'angolo tagliato sia rivolto verso la presa dell'antenna GPS esterna.
  9. Chiudere il blocca scheda SIM e assicurarlo facendo scivolare la parte metallica in direzione della presa per l'antenna GPS esterna del Neo FreeRunner.
  10. Inserire la batteria nell'apposito alloggiamento, allineando i contatti elettrici della batteria con quelli del dispositivo. Inserire prima il lato con i contatti elettrici.
  11. Reinserire la cover posteriore del Neo FreeRunner.
Alloggiamenti della SIM e della SD aperti, con rispettive schede in sede

[edit] Ricaricare il Neo FreeRunner

Per un corretto caricamento della batteria del Neo FreeRunner, durante il primo processo di carica, si consiglia di portarlo a termine completamente. La batteria può essere caricata con il caricatore fornito (a 1000mA) o con una porta USB che abbia la capacità di fornire 500mA di corrente. La maggior parte dei computer sarà in grado di caricare il Neo FreeRunner senza problemi.

Caricando a 100mA ci vorranno 6-12 ore, invece a 500mA ci vorrà 1-2 ore. (openmoko.togaware.com)

[edit] I pulsanti

[edit] Power

Premendo il pulsante Power si uscirà dall'applicazione corrente.

Tenendo premuto il pulsante Power invece apparirà un menù che vi permetterà di accendere e spegnere il GSP, WIFI, GSM, l'antenna Bluetooth, e anche spegnere il Neo FreeRunner.

[edit] Aux

Premendo per un secondo il pulsante Aux apparirà un menù che vi permetterà di:

  • Attivare lo schermo intero: per nascondere o mostrare la barra del titolo
  • Cambio di orientamento: ruota il contenuto dello schermo per la visualizzazione verticale o orizzontale
  • Screenshot: parte un'applicazione che permette di catturare e salvare un'immagine del contenuto dello schermo

[edit] Password

L'utente root di default non ha password. Per metterne una è sufficiente digitare nel terminale:

  1. passwd

La password sarà inserita, in forma criptata, nel file /etc/passwd.

[edit] Dare un nome al neonato

Se l'hostname om-gta02 non ci soddisfa, lo possiamo cambiare andando ad editare il file di configurazione in questione con

  1. vi /etc/hostname

[edit] Sbloccare lo Schermo

Quando lo schermo è bloccato, vedrai una grafica verde in stile Matrix con il simbolo di Openmoko nel centro della parte bassa dello schermo, assieme al simbolo di bloccato e sbloccato. Se si trascina il simbolo di Openmoko fino alla cima dello schermo, verso il simbolo di sbloccato, si sbloccherà lo schermo.

[edit] Menu e Applicazioni

Nota: questa sezione descrive l'interfaccia utilizzata dall'immagine "2007.2", che è correntemente l'immagine predefinita Openmoko.

[edit] Schermata Oggi

Todaypage reduced false.png

La prima cosa che vi apparirà dopo aver fatto partire l'Openmoko è la pagina "Oggi". Questa è la vostra pagina principale. Sulla riga in alto, troverete le icone che indicano lo stato del vostro telefono. In seconda riga ci sono dei collegamenti alle applicazioni più usate, come il tastierino numerico per le chiamate. Il corpo principale della schermata è la vostra schermata principale, con un orologio in mezzo e con altre informazioni utili. La riga in basso è composta da tre linguette che rappresentano le schermate Oggi (quella che stiamo visualizzando ora), schermata di Avvio delle Applicazioni e la schermata dei Processi in Esecuzione.

Si veda Today/2007.2/it per maggiori informazioni a riguardo della schermata Oggi e sulla sua personalizzazione.

[edit] Schermata per l'Avvio delle Applicazione

Stub: This is a stub. You can help OpenMokoWiki by expanding it.


Questa schermata mostra una lista delle applicazioni avviabili. Puoi scegliere se far mostrare le categorie di software per semplificare la visualizzazione, oppure visualizzarle tutte.

Le categorie attualmente disponibili sono PIM Suite, Application, Games, Utilities, and All.

[edit] Schermata dei Processi in Esecuzione

Stub: This is a stub. You can help OpenMokoWiki by expanding it.


Mostra le applicazioni correntemente in esecuzione. Ogni singolo processo può essere terminato, selezionandolo e cliccando sull'icona del "Cestino". Si possono terminare tutti i processi, selezionadone uno e poi cliccando sull'icona della "Cartella" (aspettatevi un cambiamento nelle versioni future). Tutti i processi possono essere riavviati selezionandoli e cliccando sull'icona di "Ritorna" in mezzo in alto.

[edit] Uscire da un'Applicazione

In qualsiasi momento si può uscire da un'applicazione in esecuzione, cliccando sul bottone Power del dispositivo, così ritornando alla schermata Oggi.

Alternativamente, si può saltare ad un'altra applicazione, cliccando sul menu dei processi nell'angolo in alto a sinistra dello schermo, che vi mostrerà la lista dei processi in esecuzione permettendoti di sceglierne uno.

(Nota: Se il menu dei processi non viene mostrato, usare il bottone Aux per far apparire il menu Aux, dove selezionerete "Lascia schermo intero".)

[edit] Regolare il Volume

Nel momento in cui scriviamo, non esiste modo di regolare il volume dallo schermo.

Per ora dovete lanciare il Terminale o effettuare il log in via usb, e avviare l'applicazione alsamixer. Il mixer è più semplice di quel che sembra. Basta muoversi con i tasti direzionali destra e sinistra per selezionare "headphone" (cuffie) o "PCM", ed utilizzare i tasti direzionali su e giu per regolare il volume. Si può anche regolare il microfono con la regolazione di "mic2". Premere poi ESC quando finito. A questo punto chiudere il Terminale o fare logout dal login USB.

Dovrai aggiornare i file di configurazione in /usr/share/openmoko/scenarios/ per rendere le regolazione del microfono permanenti. Per fare ciò, usa alsactl -f path-to-statefile store

[edit] Accedere alla scheda Micro-SD

Questa è montata in /media/card

[edit] Importare i contatti

Se puoi esportare i tuoi contatti nel formato VCard, sia in file multipli, sia in un unico file che li contiene tutti, puoi usare lo script della schermata Import Vcf Contacts per portarli tutti sul Neo FreeRunner.

[edit] Dove andare quando le cosa vanno male

Puoi chiedere aiuto sulla mailing list di supporto: maggiori informazioni su https://lists.openmoko.org/mailman/listinfo/support

FreeRunner_Hardware_Issues

[edit] Connettere il Neo FreeRunner alla Rete via USB

Connettere il Neo FreeRunner a un computer GNU/Linux con il cavo USB. Per fare questo con Mac OS X, riferitevi a MacOS_X; invece per fare ciò con Windows XP e Vista, riferitevi a Neo1973_and_Windows (che funziona anche per il Neo FreeRunner). Dopo il boot nell'immagine di Openmoko avrete una nuova interfaccia, usb0, sul vostro computer GNU/Linux.

[edit] Metodo Manuale

Digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:

ifconfig usb0 192.168.0.200 netmask 255.255.255.0 ssh root@192.168.0.202

Premere Invio per inserire la password.

[edit] Metodo Automatico
  • Debian e derivate (Ubuntu, Sidux etc.)

Modificare il file /etc/network/interfaces:

auto usb0 iface usb0 inet static address 192.168.0.200 netmask 255.255.255.0

  • Gentoo

Modificare il file /etc/conf.d/net:

config_usb0="192.168.0.200/24"

Riavviare i servizi di rete('/etc/init.d/networking restart' per i sistemi basati su Debian) e quindi digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:

ssh root@192.168.0.202

Premere Invio per inserire la password.

NOTE:

Se il tuo dispositivo di rete sta usando un intervallo di ip 192.168.0.x dovrai usare il seguente comando prima di poterti connettere:

route add -host 192.168.0.202 dev usb0


[edit] Automatizzare ancora di più le operazioni

Se non vuoi doverti ricordare l'indirizzo ip del tuo telefono, puoi creare un alias aggiungerndo la seguente riga nel file /etc/hosts:

192.168.0.202 openmoko

Ora sarà possibile connettersi al proprio telefono usando il seguente comando:

ssh root@openmoko

Il comando precedente ti fornisce solamente una connessione con una Shell sicura con il tuo dispositivo Openmoko, non ti permette di collegare il tuo dispositivo a Internet. Se ti interessa collegare il tuo dispositivo a Internet leggi alla sezione USB_Networking.

[edit] Condividere la tua connessione ad Internet via USB

Per accedere a internet con il Neo FreeRunner attraverso una connesione USB, avrai bisogno di fare alcune modifiche al PC attraverso cui ci si sta connettendo.

In Ubuntu:

Dentro al file /etc/network/interfaces, la configurazione dell'interfaccia in questo modo:

auto usb0 iface usb0 inet static address 192.168.0.200 netmask 255.255.255.0 network 192.168.0.0 up iptables -A POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 & up echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward & up iptables -P FORWARD ACCEPT & down iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &

In Fedora:

Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-usb0 così: DEVICE=usb0 IPADDR=192.168.0.200 NETMASK=255.255.255.0

Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifup-usb così:

  1. !/bin/bash

. /etc/init.d/functions

cd /etc/sysconfig/network-scripts . ./network-functions

[ -f ../network ] && . ../network

CONFIG=${1}

need_config ${CONFIG}

source_config

NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`

/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null /sbin/ip link set dev ${DEVICE} up /sbin/ip addr add dev ${DEVICE} ${IPADDR}/${NETBITS}

/sbin/iptables -I POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS} /sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=1 /sbin/iptables -I FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT /sbin/iptables -I FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT

Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifdown-usb così:

  1. !/bin/bash

. /etc/init.d/functions

cd /etc/sysconfig/network-scripts . ./network-functions

[ -f ../network ] && . ../network

CONFIG=${1}

need_config ${CONFIG}

source_config

NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`

/sbin/iptables -D FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT /sbin/iptables -D FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT /sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=0 /sbin/iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}

/sbin/ip link set dev ${DEVICE} down /sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null

Se stai utilizzanto il NetworkManger, riavvialo e attiva il dispositivo USB dal suo menù, altrimenti disabiliterà la tua connessione dopo che l'avrai attivata. /sbin/service NetworkManager restart

[edit] Aggiornare il DNS

Una volta che il tuo PC è configurato, modifica /etc/network/interfaces sul tuo Neo FreeRunner e cambia il codice da così:

iface usb0 inet static address 192.168.0.202 netmask 255.255.255.0 network 192.168.0.0 gateway 192.168.0.200 up echo nameserver 192.168.0.200 > /etc/resolv.conf

a qualcosa che punti al nome reale del server, come un sistema publico DNS da OpenDNS, come questo:

iface usb0 inet static address 192.168.0.202 netmask 255.255.255.0 network 192.168.0.0 gateway 192.168.0.200 up echo nameserver 208.67.222.222 > /etc/resolv.conf up echo nameserver 208.67.220.220 >> /etc/resolv.conf

Nota: vi sembra che sia l'unico editor di testo disponibile di default. Vedi basic vi commands per l'aiuto.

Nell'immagine caricata di fabbrica OM2007.2, digita quanto segue per riavviare la rete, per far si che le modifiche al DNS abbiano effetto:

/etc/rc0.d/K40networking restart

Se continui a non essere in grado di andare su internet con il tuo Neo FreeRunner, e stai usando Mandriva e/o hai la tua LAN su 192.168.0.0/24, questa pagina dovrebbe aiutarti.

[edit] L'Architettura

Tre livelli compongono il software del Neo FreeRunner:

[edit] U-Boot

Pensate a U-Boot come una combinazione tra il BIOS e Grub su un Pc.

[edit] Kernel

Il kernel Linux.

[edit] Filesystem Root

Il resto del sistema.

[edit] Aggiornare il software

Per aggiornare il Neo FreeRunner con le ultime novità e correzioni di sicurezza, ed è preferibile aggiornarlo periodicamente. Sono due i metodi principali per farlo:

[edit] opkg

Dando per scontato che il vostro Neo FreeRunner possa accedere a internet (nel caso guarda sopra), si può aggiornare il kernel e gli altri pacchetti con:

  1. opkg update
  2. opkg upgrade

Il primo comando aggiorna le informazioni sui repository, dicendo a opkg quali pacchetti sono disponibili. La seconda istruzione aggiorna i pacchetti per cui è disponibile una versione aggiornata. Al momento mancano alcune firme su alcuni file, per cui opkg si lamenterà un pò, ma nulla di importante.

In un futuro sarà anche possibile aggiornare U-Boot con opkg, ma per ora non è ancora stata implementata.

[edit] Problemi frequenti

Quando lancerete opkg update dovreste vedere

Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz 100% |========================================================================| Inflating http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz Updated list of available packages in /var/lib/opkg/daily-all e così via.

Se vedi

Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.sig Signature check failed allora il download è fallito. Guarda Network Troubleshooting per maggiori informazioni.

[edit] Flashing

U-Boot, il kernel e il filesystem root possono essere aggiornati, scrivento sulla memeoria Flash direttamente (flashare). Per U-Boot è anche l'unica possibilità. Il vantaggio di flashare il kernel direttamente, anzichè aggiornarlo da opkg pare sia solo la velocità.

Lo svantaggio di flashare il filesystem root è che cancella tutte le modifiche locali, compresa la /home. Se però la vostra /home è sopra la memoria Micro-SD, questo non è più un problema.

[edit] Modifiche all'immagine 2007.2

L'immagine standard Openmoko2007.2 inserita nei Neo FreeRunner dopo la loro produzione è solo essenziale. Ad esempio non è mostrato l'orologio e le icone. Così è come potete cambiarli:

  1. dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
  2. /etc/init.d/xserver-nodm restart

Se avete un orologio analogico anziché quello digitale, fate così:

  1. dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
  2. dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/digital_clock false
  3. /etc/init.d/xserver-nodm restart


Altre informazioni su come aggiornare la schermata Oggi leggere Today/2007.2.

Con gli entrambi orologi, vorrete impostare il corretto Fuso orario.

E se preferite avere una tastiera completa, vedere these instructions.

[edit] GPS

Il modo più semplice per fare funzionare il GPS è:

  1. opkg install gpsd

sul Neo FreeRunner,

  1. echo "GPS_DEV=\"/dev/ttySAC1\"" > /etc/default/gpsd

e riavviare gpsd, il demone del gps, con

  1. /etc/init.d/gpsd restart

Per testare il GPS, potete usare agpsui:

  1. opkg install openmoko-agpsui

Per una bella mappa, provate tangoGPS:

  1. opkg install tangogps

[edit] GPRS

Vedere Manually using GPRS. Stando ad alcune notizie, il GPRS non è funzionante ora (2007.2). Ogni novità è però benvenuta.

[edit] WLAN

Vedere GTA02 WLAN.

[edit] Software consigliato

Se rivolete il Media Player:

  1. opkg install openmoko-mediaplayer2
  2. wget http://abraxa.dyndns.org:81/random/openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2
  3. tar xjf openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2 -C /usr/share/themes/Moko/gtk-2.0
  4. rm openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2

Se volete una basilare visualizzatore di immagini, date un occhio a quello della suite GPE:

  1. opkg install gpe-icons gpe-gallery

Il browser web:

  1. opkg install openmoko-browser2

Per installare un browser alternativo, Minimo, che offre altre diverse funzionalità, dobbiamo prima scaricare e scompattare su un sistema GNU/Linux l'archivio:

  1. wget http://www.ginguppin.de/files/minimo.tar.bz2
  2. tar jvxf minimo.tar.bz2

poi copiarlo sul Neo FreeRunner:

  1. scp minimo_* root@openmoko:/tmp

Quindi sul Neo FreeRunner digitare:

  1. opkg install /tmp/minimo_0.02\+cvs20070626-r0_armv4t.ipk

Ci sono un mucchio di applicazioni che potete installare. Controllate i Repositories per una lista dei pacchetti.

[edit] Effettuare il Boot sul Neo FreeRunner

Potete avviare il vostro Neo FreeRunner nei seguenti modi:

Circle2.gif Potete avviarlo direttamente nell'immagine Openmoko.
Circle2.gif Potete avviarlo nel U-Boot via NAND Flash.
Circle2.gif Potete avviarlo nel U-Boot via NOR Flash.

Avviando il dispositivo nelle memorie Flash NAND e NOR vi permette di aggiornare il kernel e il filesystem root.

[edit] Avviare l'immagine Openmoko

Menu2.jpg

Mantenere premuto il bottone Power per circa 8 secondi, fino a quando apparirà la schermata di avvio di Openmoko. Potrete lasciare il bottone Power e si continuerà ad avviare nell'immagine Openmoko.

[edit] Entrare nell'U-Boot nella NAND Flash

Menu7.jpg

Premere e mantenere premuto il bottone Power e poi il bottone AUX per circa 5-8 secondi. Dovrebbe apparire il menu per il boot della Flash NAND. Premere il bottone AUX per selezionare una delle opzioni e poi premi il bottone Power per procedere.

[edit] Entrare nell'U-Boot nella NOR Flash

Menu6.jpg

Premere e mantenere premuto il bottone AUX e poi il bottone Power. Quindi rilasciare il bottone AUX. Dovrebbe apparire il menu di boot della memoria Flash NOR. Questa opzione è usata solitamente dagli sviluppatori, o quando si aggiorna il FreeRunner. Se non si riesce ad entrare nell'U-Boot della NAND, si riuscirà comunque ad entrare il quello della memoria Flash NOR.

NOTE: Ci sono sei opzioni quando si decide di entrare nella Flash NOR.

1. Boot

2. Boot dalla MicroSD

3. Setta la console a USB

4. Setta la console a Serial

5. Reset

6. Spegni


NOTE: Il termine Entrare usato in questo contesto significa accendere il dispositivo con i metodi descritti, e portarlo al menu U-Boot. Per evitare il boot automatico del dispositivo, premere il bottone AUX per muovere la barra di selezione. Notare anche che il dispositivo non si spegnerà automaticamente durante la procedura di aggiornamento.


[edit] Aggiornare il Neo FreeRunner

Dato che Openmoko è in continuo sviluppo, Openmoko rilascia delle versioni aggiornate del filesystem root, del kernel e del U-Boot. Questi possono essere inseriti nella memoria Flash del Neo FreeRunner. Puoi usare il cavo USB e il programma forniti per aggiornare il tuo Neo FreeRunner.

NOTE: L'Openmoko software team rilascia immagini del sistema aggiornate giornalmente. Se vuoi usare le ultime immagini, puoi scaricarle dal daily build, ma noi raccomandiamo di usare l'immagine più stabile, scaricabile da http://downloads.openmoko.org/releases/. Le immagini presenti sono testate dal team di test.

Altre informazioni sull'immagine corrente: http://wiki.openmoko.org/wiki/Latest_Images


[edit] Step1. Scaricare DFU-util

Puoi scaricare il software per l'aggiornamento da: http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util

Su un sistema GNU/Linux puoi usare i seguenti programmi per scaricare dfu-util: wget http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util

Successivamente dovete cambiare i permessi al file: chmod a+x dfu-util

[edit] Step 2. Preparare il Neo FreeRunner

Spegnere il FreeRunner se è acceso ed entrare nell'U-Boot della NOR Flash. Per svolgere l'aggiornamento il Neo FreeRunner ha bisogno di essere dentro l'U-Boot.

Entra nell'U-Boot della NOR Flash, connetti il tuo Neo con il sistema Linux attraverso il cavo USB

Collegarlo al PC tramite cavo USB e dare il comando ./dfu-util -l

Il comando restituirà una stringa simile a questa:

dfu-util - (C) 2007 by OpenMoko Inc. This program is Free Software and has ABSOLUTELY NO WARRANTY

Found Runtime: [0x1d50:0x5119] devnum=0, cfg=0, intf=2, alt=0, name="UNDEFINED"

Annotare il valore compreso fra le parentesi quadre, qualcosa del tipo ??????:??????

[edit] Step 3. Aggiornare il Kernel

Puoi scaricare il kernel da http://downloads.openmoko.org/releases/

I file del kernel sono quelli che contengono la dicitura uImage

Digita i seguenti comandi su un sistema GNU/Linux. In alcuni sistemi bisogna essere l'utente root prima di fare questo lavoro.

./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a kernel -R -D (nome del file dell'immagine scaricato precedentemente).


esempio:

./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a kernel -R -D Om2008.8.uImage.bin


Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC verrà esposto il seguente messaggio:

status(0) = No error condition is present
Done!

NOTE: Il significato dei parametri che avete dato è:

-d Specifica quale dispositivo collegato al PC è il Neo FreeRunner -a --alt alt Specifica l'altsetting dell'interfaccia DFU da un nome o da un numero
-R --reset Resetta i problemi dell'USB segnalandoli una volta che abbiamo finito
-D --download file Scrive il firmware specificato da <file> nel dispositivo


[edit] Step 4. Aggiornare il Filesystem Root

Puoi scaricare il filesystem root da: http://downloads.openmoko.org/releases/

I file contenenti il filesystem root sono quelli contenenti la dicitura rootfs

Digita i seguenti comandi in un sistema GNU/Linux. Su alcuni sistemi bisogna essere l'utente root (amministratore).

./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a rootfs -R -D (nome del file contenente il filesystem root)

esempio:

./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a rootfs -R -D Om2008.8.rootfs.jffs2

Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC sarà mostrato il seguente messaggio:

status(0) = No error condition is present
Done!

[edit] Appendice

Se ti interessa sapere altri riguardo il Neo FreeRunner allora puoi suguire questi argomenti:

Per cercare con Google su questo wiki scrivere quanto segue:

<search term> site:http://wiki.openmoko.org/wiki/

Un ottimo tool per cercare nelle Openmoko mailing list è http://openmoko.markmail.org/ .
Views
Personal tools


Grazie per aver comprato questa versione da Sviluppatori del Neo Freerunner. Il telefono Neo FreeRunner è la seconda piattaforma hardware che sfrutta nativamente Openmoko/it. Questa guida ti aiuterà a conoscere il tuo Neo Freerunner e ti indicherà come inizare ad usarlo.

La confezione del Neo Freerunner

Contenuti della Confezione

All'interno della Confezione
Circle2.gif Neo FreeRunner
Circle2.gif Stylus
Circle2.gif Batteria
Circle2.gif Caricatore
Circle2.gif Cavo USB
Circle2.gif Scheda microSD da 512MB

Iniziare a Conoscere il Neo Freerunner

Pulsante AUX Button e jack cuffie (da sinistra a destra)
Pulsante di Accensione, porta USB ed antenna GSM esterna (da sinistra a destra)
Parte posteriore
Inserisci qui la SIM e la scheda di memoria
Apri il case da questo lato
Aperto!

Inserire la scheda Micro-SD, la SIM e la Batteria

  1. Rimuovere la cover posteriore del Neo Freerunner, tenendo il dispositivo per i lati e usando l'unghia fare leva nel taglio in cima al Neo Freerunner.
  2. Ora dovreste essere in grado di riconoscere il sistema che blocca la scheda SIM e la memoria Micro-SD, al margine con lo scomparto per la batteria.
  3. Sbloccare il fissa scheda SIM facendo scivolare con l'unghia la parte metallica in giù, in direzione dell'entrata USB. Prestare attenzione poichè queste parti sono delicate e potrebbero essere danneggiate forzandole nella direzione sbagliata.
  4. Sollevare il fissa scheda SIM.
  5. La memoria Micro-SD è tenuta ferma da due fermagli su ambo i lati. È più facile aprire l'alloggiamento per la Micro-SD sbloccando i fermagli uno alla volta, anziché tirandolo dal mezzo, poiché tende ad aumentare la pressione sui fermagli laterali. Un cacciavite o un piccolo coltello possono aiutare in questa operazione.
  6. Inserire la memoria Micro-SD dentro all'apposito spazio. Nota che i contatti elettrici devono rivolgersi verso il basso e vicino al bordo del Neo Freerunner.
  7. Chiudere il fissa scheda Micro-SD, assicurandosi che entrambi i fermagli siano ben agganciati.
  8. Inserire la scheda SIM dentro il fissa scheda SIM, facendo attenzione a farla scivolare dentro le due linguette metalliche. Nota che i contatti metallici devono essere rivolti verso il basso e l'angolo tagliato deve essere in direzione della presa dell'antenna GPS esterna.
  9. Chiudere il blocca scheda SIM e bloccarlo facendo scivolare la parte metallica in direzione della presa per l'antenna GPS esterna del Neo Freerunner.
  10. Inserire la batteria nel compartimento per la batteria, allineando i contatti elettrici della batteria con quelli del comparto. Inserire prima il lato con i contatti elettrici.
  11. Rimettere la cover posteriore del Neo Freerunner.
Alloggiamenti della SIM e della SD aperti, con le rispettive schede in sede

Ricaricare il Neo Freerunner

Quando si usa il Neo Freerunner per la prima volta, bisogna caricare la batteria completamente. La batteria può essere caricata con il caricatore fornito (a 1000mA) o con una porta USB che abbia la capacità di fornire 500mA di corrente. La maggior parte dei computer sarà in grado di caricare il Neo Freerunner senza problemi.

Caricando a 100mA ci vorranno 6-12 ore, invece a 500mA ci vorrà 1-2 ore. (openmoko.togaware.com)

I bottoni

Power

Premendo il bottone Power si uscirà dall'applicazione corrente.

Tenendo premuto il bottone Power invece apparirà un menù che vi permetterà di accendere e spegnere il GSP, WIFI, GSM, l'antenna Bluetooth, e anche spegnere il Neo Freerunner.

Aux

Premendo per un secondo il bottone Aux apparirà un menù che vi permetterà di:

Sbloccare lo Schermo

Quando lo schermo è bloccato, vedrai una grafica verde in stile Matrix con il simbolo di Openmoko nel centro della parte bassa dello schermo, assieme al simbolo di bloccato e sbloccato. Se si trascina il simbolo di Openmoko fino alla cima dello schermo, verso il simbolo di sbloccato, si sbloccherà lo schermo.

Menu e Applicazioni

Nota: questa sezione descrive l'interfaccia utilizzata dall'immagine "2007.2", che è correntemente l'immagine predefinita Openmoko.

Schermata Oggi

Todaypage reduced false.png

La prima cosa che vi apparirà dopo aver fatto partire l'Openmoko è la pagina "Oggi". Questa è la vostra pagina principale. Sulla riga in alto, troverete le icone che indicano lo stato del vostro telefono. In seconda riga ci sono dei collegamenti alle applicazioni più usate, come il tastierino numerico per le chiamate. Il corpo principale della schermata è la vostra schermata principale, con un orologio in mezzo e con altre informazioni utili. La riga in basso è composta da tre linguette che rappresentano le schermate Oggi(quella che stiamo visualizzando ora), schermata di Avvio delle Applicazioni e la schermata dei Processi in Esecuzione.

Si veda Today/2007.2/it per maggiori informazioni a riguardo della schermata Oggi e sulla sua personalizzazione.

Schermata per l'Avvio delle Applicazione

Stub: This is a stub. You can help OpenMokoWiki by expanding it.


Questa schermata mostra una lista delle applicazioni avviabili. Puoi scegliere se far mostrare le categorie di software per semplificare la visualizzazione, oppure visualizzarle tutte.

Le categorie attualmente disponibili sono PIM Suite, Application, Games, Utilities, and All.

Schermata dei Processi in Esecuzione

Stub: This is a stub. You can help OpenMokoWiki by expanding it.


Mostra le applicazioni correntemente in esecuzione. Ogni singolo processo può essere terminato, selezionandolo e cliccando sull'icona del "Cestino". Si possono terminare tutti i processi, selezionadone uno e poi cliccando sull'icona della "Cartella" (aspettatevi un cambiamento nelle versioni future). Tutti i processi possono essere riavviati selezionandoli e cliccando sull'icona di "Ritorna" in mezzo in alto.

Uscire da un'Applicazione

In qualsiasi momento si può uscire da un'applicazione in esecuzione, cliccando sul bottone Power del dispositivo, così ritornando alla schermata Oggi.

Alternativamente, si può saltare ad un'altra applicazione, cliccando sul menu dei processi nell'angolo in alto a sinistra dello schermo, che vi mostrerà la lista dei processi in esecuzione permettendoti di sceglierne uno.

(Nota: Se il menu dei processi non viene mostrato, usare il bottone Aux per far apparire il menu Aux, dove selezionerete "Lascia schermo intero".)

Regolare il Volume

Nel momento in cui scriviamo, non esiste modo di regolare il volume dallo schermo.

Per ora dovete lanciare il Terminale o log in via usb, e avviare l'applicazione alsamixer. Il mixer è più semplice di quel che sembra. Basta muoversi con i tasti direzionali destra e sinistra per selezionare "headphone" (cuffie) o "PCM", ed utilizzare i tasti direzionali su e giu per regolare il volume. Si può anche regolare il microfono con la regolazione di "mic2". Premere poi ESC quando finito. A questo punto chiudere il Terminale o fare logout dal login USB.

Dovrai aggiornare i file di configurazione in /usr/share/openmoko/scenarios/ per rendere le regolazione del microfono permanenti. Per fare ciò, usa

alsactl -f path-to-statefile store

Accedere alla scheda Micro-SD

Questa è montata in /media/card

Importare i contatti

Se puoi esportare i tuoi contatti nel formato VCard, sia in file multipli, sia in un unico file che li contiene tutti, puoi usare lo script della schermata Import Vcf Contacts per portarli tutti sul Neo Freerunner.

Dove andare quando le cosa vanno male

Puoi chiedere aiuto sulla mailing list di supporto: maggiori informazioni su https://lists.openmoko.org/mailman/listinfo/support

Freerunner_Hardware_Issues

Connettere il Neo Freerunner alla Rete via USB

Connettere il Neo Freerunner a un computer GNU/Linux con il cavo USB. Per fare questo con Mac OS X, riferitevi a MacOS_X; invece per fare ciò con Windows XP e Vista, riferitevi a Neo1973_and_Windows (che funziona anche per il Neo Freerunner). Dopo il boot nell'immagine di Openmoko avrete una nuova interfaccia, usb0, sul vostro computer GNU/Linux.

Metodo Manuale

Digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:

ifconfig usb0 192.168.0.200 netmask 255.255.255.0
ssh root@192.168.0.202

Premere Invio per inserire la password.

Metodo Automatico

Modificare il file /etc/network/interfaces:

auto usb0
iface usb0 inet static
address 192.168.0.200
netmask 255.255.255.0

Modificare il file /etc/conf.d/net:

config_usb0="192.168.0.200/24"

Riavviare i servizi di rete('/etc/init.d/networking restart' per i sistemi basati su Debian) e quindi digitare i seguenti comandi in un terminale GNU/Linux:

ssh root@192.168.0.202

Premere Invio per inserire la password.

NOTE:

Se il tuo dispositivo di rete sta usando un intervallo di ip 192.168.0.x dovrai usare il seguente comando prima di poterti connettere:

route add -host 192.168.0.202 dev usb0 


Automatizzare ancora di più le operazioni

Se non vuoi doverti ricordare l'indirizzo ip del tuo telefono, puoi creare un alias aggiungerndo la seguente riga nel file /etc/hosts:

192.168.0.202   openmoko

Ora sarà possibile connettersi al proprio telefono usando il seguente comando:

ssh root@openmoko

Il comando precedente ti fornisce solamente una connessione con una Shell sicura con il tuo dispositivo Openmoko, non ti permette di collegare il tuo dispositivo a Internet. Se ti interessa collegare il tuo dispositivo a Internet leggi alla sezione USB_Networking.

Condividere la tua connessione ad Internet via USB

Per accedere a internet con il Neo Freerunner attraverso una connesione USB, avrai bisogno di fare alcune modifiche al PC attraverso cui ci si sta connettendo.

In Ubuntu:

Dentro al file /etc/network/interfaces, la configurazione dell'interfaccia in questo modo:

auto usb0
iface usb0 inet static
   address 192.168.0.200
   netmask 255.255.255.0
   network 192.168.0.0
   up iptables -A POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &
   up echo 1 > /proc/sys/net/ipv4/ip_forward &
   up iptables -P FORWARD ACCEPT &
   down iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s 192.168.0.0/24 &

In Fedora:

Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifcfg-usb0 così:

DEVICE=usb0
IPADDR=192.168.0.200
NETMASK=255.255.255.0

Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifup-usb così:

#!/bin/bash

. /etc/init.d/functions

cd /etc/sysconfig/network-scripts
. ./network-functions

[ -f ../network ] && . ../network

CONFIG=${1}

need_config ${CONFIG}

source_config

NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`

/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null
/sbin/ip link set dev ${DEVICE} up
/sbin/ip addr add dev ${DEVICE} ${IPADDR}/${NETBITS}

/sbin/iptables -I POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}
/sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=1
/sbin/iptables -I FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
/sbin/iptables -I FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT

Setta /etc/sysconfig/network-scripts/ifdown-usb così:

#!/bin/bash

. /etc/init.d/functions

cd /etc/sysconfig/network-scripts
. ./network-functions

[ -f ../network ] && . ../network

CONFIG=${1}

need_config ${CONFIG}

source_config

NETBITS=`ipcalc -p ${IPADDR} ${NETMASK} | awk -F'=' '{print $2;}'`

/sbin/iptables -D FORWARD -d ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
/sbin/iptables -D FORWARD -s ${IPADDR}/${NETBITS} -j ACCEPT
/sbin/sysctl net.ipv4.ip_forward=0
/sbin/iptables -D POSTROUTING -t nat -j MASQUERADE -s ${IPADDR}/${NETBITS}

/sbin/ip link set dev ${DEVICE} down
/sbin/ip addr flush dev ${DEVICE} 2>/dev/null

Se stai utilizzanto il NetworkManger, riavvialo e attiva il dispositivo USB dal suo menù, altrimentidisabiliterà la tua connessione dopo che l'avrai attivata.

/sbin/service NetworkManager restart
Aggiornare il DNS

Una volta che il tuo PC è configurato, modifica /etc/network/interfaces sul tuo Neo Freerunner e cambia il codice da così:

iface usb0 inet static
       address 192.168.0.202
       netmask 255.255.255.0
       network 192.168.0.0
       gateway 192.168.0.200
       up echo nameserver 192.168.0.200 > /etc/resolv.conf

a qualcosa che punti al nome reale del server, come un sistema publico DNS da OpenDNS, come questo:

iface usb0 inet static
       address 192.168.0.202
       netmask 255.255.255.0
       network 192.168.0.0
       gateway 192.168.0.200
       up echo nameserver 208.67.222.222 > /etc/resolv.conf
       up echo nameserver 208.67.220.220 >> /etc/resolv.conf

Nota: vi sembra che sia l'unico editor di testo disponibile di default. Vedi basic vi commands per l'aiuto.

Nell'immagine caricata di fabbrica OM2007.2, digita quanto segue per riavviare la rete, per far si che le modifiche al DNS abbiano effetto:

/etc/rc0.d/K40networking restart

Se continuo a non essere in grado di andare su internet con il tuo Neo Freerunner, e stai usando Mandriva e/o hai la tua LAN su 192.168.0.0/24, questa pagina dovrebbe aiutarti.

L'Architettura

Tre livelli compongono il software del Neo Freerunner:

U-Boot

Pensate a U-Boot come una combinazione tra il BIOS e Grub su un Pc.

Kernel

Il kernel Linux.

Filesystem Root

Il resto del sistema.

Updating the software

Per aggiornare il Neo Freerunner con le ultime novità e correzioni di sicurezza, ed è preferibile aggiornarlo periodicamente. Sono due i metodi principali per farlo:

opkg

Dando per scontato che il vostro Neo Freerunner possa accedere a internet (nel caso guarda sopra), si può aggiornare il kernel e gli altri pacchetti con:

# opkg update
# opkg upgrade

Il primo comando aggiorna le informazioni sui repository, dicendo a opkg quali pacchetti sono disponibili. La seconda istruzione aggiorna i pacchetti per cui è disponibile una versione aggiornata. Al momento mancano alcune firme su alcuni file, per cui opkg si lamenterà un pò, ma nulla di importante.

In un futuro sarà anche possibile aggiornare U-Boot con opkg, ma per ora non è ancora stata implementata.

Problemi frequenti

Quando lancerete opkg update dovreste vedere

 Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
 100% |========================================================================|
 Inflating http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
 Updated list of available packages in /var/lib/opkg/daily-all

e così via.

Se vedi

 Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.gz
 Downloading http://buildhost.openmoko.org/daily-feed/all/Packages.sig
 Signature check failed

allora il download è fallito. Guarda Network Troubleshooting per maggiori informazioni.

Flashing

U-Boot, il kernel e il filesystem root possono essere aggiornati, scrivento sulla memeoria Flash direttamente (flashare). Per U-Boot è anche l'unica possibilità. Il vantaggio di flashare il kernel direttamente, anzichè aggiornarlo da opkg pare sia solo la velocità.

Lo svantaggio di flashare il filesystem root è che cancella tutte le modifiche locali, compresa la /home. Se però la vostra /home è sopra la memoria Micro-SD, questo non è più un problema.

Modifiche all'immagine 2007.2

L'immagine standard Openmoko2007.2 inserita nei Neo Freerunner dopo la loro produzione è solo essenziale. Ad esempio non è mostrato l'orologio e le icone. Così è come potete cambiarli:

# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
# /etc/init.d/xserver-nodm restart

Se avete un orologio analogico anziché quello digitale, fate così:

# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/reduced false
# dbus-launch gconftool-2 -t boolean -s /desktop/poky/interface/digital_clock false
# /etc/init.d/xserver-nodm restart


Altre informazioni su come aggiornare la schermata Oggi leggere Today/2007.2.

Con gli entrambi orologi, vorrete impostare il corretto Fuso orario.

E se preferite avere una tastiera completa, vedere these instructions.

GPS

Il modo più semplice per fare funzionare il GPS è:

# opkg install gpsd

sul Neo FreeRunner,

# echo "GPS_DEV=\"/dev/ttySAC1\"" > /etc/default/gpsd

e riavviare gpsd, il demone del gps, con

# /etc/init.d/gpsd restart

Per testare il GPS, potete usare agpsui:

# opkg install openmoko-agpsui

Per una bella mappa, provate tangoGPS:

# opkg install tangogps

GPRS

Vedere Manually using GPRS. Stando ad alcune notizie, il GPRS non è funzionante ora (2007.2). Ogni novità è però benvenuta.

WLAN

Vedere GTA02 WLAN.

Software consigliato

Se rivolete il Media Player:

# opkg install openmoko-mediaplayer2
# wget http://abraxa.dyndns.org:81/random/openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2
# tar xjf openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2 -C /usr/share/themes/Moko/gtk-2.0
# rm openmoko-mediaplayer-theme.tar.bz2

Se volete una basilare visualizzatore di immagini, date un occhio a quello della suite GPE:

# opkg install gpe-icons gpe-gallery

Il browser web:

# opkg install openmoko-browser2

Per installare un browser alternativo, Minimo, che offre altre diverse funzionalità, dobbiamo prima scaricare e scompattare su un sistema GNU/Linux l'archivio:

# wget http://www.ginguppin.de/files/minimo.tar.bz2
# tar jvxf minimo.tar.bz2

poi copiarlo sul Neo FreeRunner:

# scp minimo_* root@openmoko:/tmp

Quindi sul Neo FreeRunner digitare:

# opkg install /tmp/minimo_0.02\+cvs20070626-r0_armv4t.ipk

Ci sono un mucchio di applicazioni che potete installare. Controllate i Repositories per una lista dei pacchetti.

Effettuare il Boot sul Neo Freerunner

Potete avviare il vostro Neo Freerunner nei seguenti modi:

Circle2.gif Potete avviarlo direttamente nell'immagine Openmoko.
Circle2.gif Potete avviarlo nel U-Boot via NAND Flash.
Circle2.gif Potete avviarlo nel U-Boot via NOR Flash.

Avviando il dispositivo nelle memorie Flash NAND e NOR vi permette di aggiornare il kernel e il filesystem root.

Avviare l'immagine Openmoko

Menu2.jpg

Mantenere premuto il bottone Power per circa 8 secondi, fino a quando apparirà la schermata di avvio di Openmoko. Potrete lasciare il bottone Power e si continuerà ad avviare nell'immagine Openmoko.

Entrare nell'U-Boot nella NAND Flash

Menu7.jpg

Premere e mantenere premuto il bottone Power e poi il bottone AUX per circa 5-8 secondi. Dovrebbe apparire il menu per il boot della Flash NAND. Premere il bottone AUX per selezionare una delle opzioni e poi premi il bottone Power per procedere.

Entrare nell'U-Boot nella NOR Flash

Menu6.jpg

Premere e mantenere premuto il bottone AUX e poi il bottone Power. Quindi rilasciare il bottone AUX. Dovrebbe apparire il menu di boot della memoria Flash NOR. Questa opzione è usata solitamente dagli sviluppatori, o quando si aggiorna il Freerunner. Se non si riesce ad entrare nell'U-Boot della NAND, si riuscirà comunque ad entrare il quello della memoria Flash NOR.

NOTE: Ci sono sei opzioni quando si decide di entrare nella Flash NOR.

1. Boot

2. Boot dalla MicroSD

3. Setta la console a USB

4. Setta la console a Serial

5. Reset

6. Spegni


NOTE: Il termine Entrare usato in questo contesto significa accendere il dispositivo con i metodi descritti, e portarlo al menu U-Boot. Per evitare il boot automatico del dispositivo, premere il bottone AUX per muovere la barra di selezione. Notare anche che il dispositivo non si spegnerà automaticamente durante la procedura di aggiornamento.


Aggiornare il Neo FreeRunner

Dato che Openmoko è in continuo sviluppo, Openmoko rilascia delle versioni aggiornate del filesystem root, del kernel e del U-Boot. Questi possono essere inseriti nella memoria Flash del Neo Freerunner. Puoi usare il cavo USB e il programma forniti per aggiornare il tuo Neo Freerunner.

NOTE: L'Openmoko software team rilascia immagini del sistema aggiornate giornalmente. Se vuoi usare le ultime immagini, puoi scaricarle dal daily build, ma noi raccomandiamo di usare l'immagine più stabile, scaricabile da http://downloads.openmoko.org/releases/. Le immagini presenti sono testate dal team di test.

Altre informazioni sull'immagine corrente: http://wiki.openmoko.org/wiki/Latest_Images


Step1. Scaricare DFU-util

Puoi scaricare il software per l'aggiornamento da: http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util

Su un sistema GNU/Linux puoi usare i seguenti programmi per scaricare dfu-util:

wget http://downloads.openmoko.org/releases/Om2008.4/dfu-util

Successivamente dovete cambiare i permessi al file:

chmod a+x dfu-util

Step 2. Preparare il Neo FreeRunner

Spegnere il FreeRunner se è acceso ed entrare nell'U-Boot della NOR Flash. Per svolgere l'aggiornamento il Neo Freerunner ha bisogno di essere dentro l'U-Boot.

Collegarlo al PC tramite cavo USB e dare il comando ./dfu-util -l

Il comando restituirà una stringa simile a questa:

dfu-util - (C) 2007 by OpenMoko Inc. This program is Free Software and has ABSOLUTELY NO WARRANTY

Found Runtime: [0x1d50:0x5119] devnum=0, cfg=0, intf=2, alt=0, name="UNDEFINED"

Annotare il valore compreso fra le parentesi quadre, qualcosa del tipo ??????:??????


Step 3. Aggiornare il Kernel

Puoi scaricare il kernel da http://downloads.openmoko.org/releases/

I file del kernel sono quelli che contengono la dicitura uImage

Digita i seguenti comandi su un sistema GNU/Linux. In alcuni sistemi bisogna essere l'utente root prima di fare questo lavoro.

./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a kernel -R -D (nome del file dell'immagine scaricato precedentemente).


esempio:

./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a kernel -R -D Om2008.8.uImage.bin
Entra nell'U-Boot della NOR Flash, connetti il tuo Neo con il sistema Linux attraverso il cavo USB

Prima di eseguire il comando, entrare nell'U-Boot della NOR Flash. Il Neo Freerunner ha bisogno di essere entrato dentro l'U-Boot prima di fare l'aggiornamento.

Ti servirà connettere il tuo Neo con il sistema GNU/Linux con il cavo USB. Premere Invio per eseguire il comando.

Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC verrà esposto il seguente messaggio:

status(0) = No error condition is present
Done!

NOTE: Il significato dei parametri che avete dato è:

-d Specifica quale dispositivo collegato al PC è il Neo FreeRunner -a --alt alt Specifica l'altsetting dell'interfaccia DFU da un nome o da un numero
-R --reset Resetta i problemi dell'USB segnalandoli una volta che abbiamo finito
-D --download file Scrive il firmware specificato da <file> nel dispositivo


Step 4. Aggiornare il Filesystem Root

Puoi scaricare il filesystem root da: http://downloads.openmoko.org/releases/

I file contenenti il filesystem root sono quelli contenenti la dicitura rootfs

Digita i seguenti comandi in un sistema GNU/Linux. Su alcuni sistemi bisogna essere l'utente root (amministratore).

./dfu-util -d (valore annotato precedentemente) -a rootfs -R -D (nome del file contenente il filesystem root)

esempio:

./dfu-util -d 0x1d50:0x5119 -a rootfs -R -D Om2008.8.rootfs.jffs2 

Quando l'aggiornamento sarà completo, sul terminale del vostro PC sarà mostrato il seguente messaggio:

status(0) = No error condition is present
Done!

Appendice

Se ti interessa sapere altri riguardo il Neo Freerunner allora puoi suguire questi argomenti:

Per cercare con Google su questo wiki scrivere quanto segue:

<search term> site:http://wiki.openmoko.org/wiki/

Un ottimo tool per cercare nelle Openmoko mailing list è http://openmoko.markmail.org/ .

Tools